--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - L'assessore Ricci sui 40mila euro della discordia: "Niente di certo"

“Palestra Santa Barbara, né danno, né beffa”

Viterbo - La palestra a santa Barbara

Viterbo – La palestra a santa Barbara

Viterbo - La palestra a santa Barbara - L'assessore Ricci

Viterbo – La palestra a santa Barbara – L’assessore Ricci

Viterbo - La palestra a santa Barbara

Viterbo – La palestra a santa Barbara

Viterbo – (g.f.) – “Palestra a Santa Barbara, non c’è stato né danno e né beffa”.

Sui 40mila euro che il comune dovrebbe tirare fuori dalle proprie casse, per spese scartate dal ministero, arriva a breve giro di posta la replica dell’assessore Alvaro Ricci (Lavori pubblici).

“La consigliera Chiara Frontini – spiega Ricci – ha parlato di danno e beffa. Ma non c’è né l’uno e né l’altra. C’è solo il rammarico per il tempo che sta passando, questa palestra va ultimata al più presto”.

Sui 40mila euro Ricci non è troppo preoccupato. “E’ solo un’eventualità – spiega l’assessore – che prudenzialmente abbiamo voluto segnalare. Nulla di più”.

Tutto nasce dal progetto e da 74mila euro risparmiati con il ribasso d’asta dei lavori.

“Soldi messi a disposizione per lavori in economia. Una parte, per 23mila euro sono stati utilizzati per una perizia e interventi necessari alla sicurezza della struttura, adeguamenti per nuove norme sopraggiunte nel frattempo,adeguare la palestra a norme antincendio e renderla fruibile anche per eventi con il pubblico.

Quindi restavano ancora avanzi per circa 30mila euro, per i quali abbiamo chiesto alla ragioneria di Stato se potevamo utilizzarli per il percorso della salute.

Una miglioria, che come ho sempre detto, che si sarebbe fatta in caso d’assenso”. Che però non c’è stato. La ragioneria ha detto di no.

“Questo perché si tratta di un intervento – continua Ricci – che è fuori dal contratto principale. Sono opere aggiuntive”.

Cosa diversa sono i circa 40mila euro “incriminati”. “Sono stati utilizzati – precisa Ricci – per interventi che fanno parte del progetto, sono parte integrante. Situazione all’opposto rispetto al percorso della salute.

Tuttavia, avendo la ragioneria di Stato negato l’uso per l’altro progetto, abbiamo unicamente voluto informare che potrebbe verificarsi questa ipotesi. Non è un problema di spese.

E’ solo una considerazione di carattere prudenziale nel momento in cui si discutono gli equilibri di bilancio. Nulla di più.

Siamo nel mero campo delle ipotesi e finché non ci sarà la rendicontazione, non c’è nulla di definito”.

22 luglio, 2016

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564