Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Il team a bordo è stato guidato da terra dal soccorso alpino della guardia di finanza

Campo Felice, CH47 di Viterbo recupera l’elicottero precipitato

Condividi la notizia:

Il recupero dell'elicottero precipitato a Campo Felice

Il recupero dell’elicottero precipitato a Campo Felice

L'elicottero precipitato a Campo Felice

L’elicottero precipitato a Campo Felice

L'elicottero precipitato a Campo Felice

L’elicottero precipitato a Campo Felice

L'elicottero precipitato a Campo Felice

L’elicottero precipitato a Campo Felice

Viterbo – Un elicottero militare di Viterbo ha recuperato i resti del velivolo caduto a Campo felice.

Alcuni uomini dell’esercito a bordo di un CH 47 partito dalla base di Viterbo ha recuperato i resti dell’elicottero del 118 precipitato a Campo Felice.

Il tutto è stato disposto dalla procura della Repubblica dell’Aquila.

Stando alle prime ricostruzioni il recupero non sarebbe stato facile a causa sia di condizioni meteo avverse sia perché l’elicottero precipitato era diviso in tante parti.

Simone Ciccarelli, sostituto procuratore dell’Aquila, ha supervisionato tutte le varie fasi.

Il team a bordo del CH 47 è stato guidato da terra dal soccorso alpino della guardia di finanza.

I resti dell’elicottero del 118 sono stati sistemati con delle particolari imbracature ed è stato portato a valle. Da lì sono poi stati trasportati dai vigili del fuoco in una località riservata.

Sei sono state le vittime della tragedia del 24 gennaio, fra cui Ettore Palanca, originario di Carbognano.


Condividi la notizia:
5 febbraio, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR