Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ronciglione - Slitta la sentenza ai presunti ladri seriali di preziosi - La coppia si difende dicendo di avere due sosia

Bonnie & Clyde in gioielleria, perizia sui tatuaggi

Condividi la notizia:

Un'aula del tribunale

Un’aula del tribunale

Ronciglione – Slitta la sentenza del processo ai Bonnie & Clyde di Ronciglione. Il giudice Silvia Mattei ha disposto una perizia antropometica e sui tatuaggi, dal momento che la coppia sostiene di essere vittima di uno scambio di persona.

Il magistrato vuole fare chiarezza sugli imputati. In particolare l’altezza rispetto ai due presunti sosia filmati dalla sicurezza e i tatuataggi. Il consulente, non si sa ancora se un medico o un esperto della scientifica, dovrà chiarire se ce ne siano di cancellati oppure se ne siano stati fatti di nuovi rispetto all’epoca dei fatti. 

Sono i presunti ladri seriali di gioiellerie che il 31 ottobre 2013 avrebbero colpito alla gioielleria Petrucci di Ronciglione, rubando con destrezza preziosi oer 25mila euro, più un furto da 4mila euro ad Anagni e un tentativo a Nepi. Traditi dai filmati delle telecamere e da un video su Youtube, in aula hanno detto: “Non siamo noi i ladri, sono due sosia”. E il giudice ha deciso di approfondire.

I due giovani, una 30enne e un 28enne, residenti a Ostia, sono stati arrestati nel febbraio 2014. Secondo l’accusa, sono anche la stessa coppia di ladri immortalata nel luglio 2013 in un video pubblicato su Youtube da un gioielliere di Anagni nella speranza che qualcuno riconoscesse i banditi che gli avevano sottratto preziosi per 4mila euro. “Noi a luglio eravamo in vacanza in Calabria”, hanno detto gli imputati. Una versione confermata in aula da due amici, che hanno pure portato le fotografie del viaggio.

Nelle immagini del furto di Halloween a Ronciglione, invece, la donna appare magra. “Impossibile, mia moglie era incinta”, ha detto l’imputato, che nel frattempo – convinto di avere un sosia delinquente – per distinguersi si è fatto crescere una lunga barba. Ultimo atto, i tatuaggi. Una lucertola e una croce in bella evidenza nei filmati, sulla caviglia del maschio della coppia: “Io ho una croce, ma piccolissima e sul collo del piede. Il ladro porta scarpe da ginnastica. Non si sarebbe mai potuta vedere”. 


Condividi la notizia:
16 marzo, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR