__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Intossicazione alimentare - E' tornato a casa dopo 40 giorni di ricovero - Il 21enne viterbese è ancora in rianimazione

Avvelenamento da botulino, dimesso lo studente pugliese

Una barella del 118

Una barella del 118

Perugia – Avvelenamento da botulino, dimesso lo studente pugliese.

Dopo quaranta giorni di ricovero, quasi tutti nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, è stato dimesso ed è tornato a casa lo studente di Lecce di 21 anni intossicato dal botulino insieme a un amico viterbese durante una cena nella loro abitazione nel capoluogo umbro. Lo fa sapere, con una nota, l’azienda ospedaliera.

Le sue condizioni erano progressivamente migliorate, tanto che i sanitari lo avevano trasferito nella struttura di degenza di malattie infettive. Al termine di un ciclo di terapie e dopo i riscontri di laboratorio, i medici lo hanno dimesso.

R.D.P, lo studente viterbese di 26 anni, è invece ancora in rianimazione. E’ in coma, a un mese e mezzo dall’intossicazione. Nei prossimi giorni dovrebbe essere trasferito in una struttura del capoluogo della Tuscia, presumibilmente Villa Immacolata.

2 agosto, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564