Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orte - Sorpreso nei pressi del casello autostradale, mentre con un complice stipa la merce su una vettura

Camionista infedele ruba dal carico 28 fusti di detersivo

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale

Orte – Autotrasportatore infedele ruba 28 fusti di detersivo e due taniche da 25 litri l’una di benzina, lo scoprono i carabinieri di Orte mentre scarica la refurtiva dal camion che avrebbe dovuto condurre Oltralpe e aiutato da un complice la stipa su una macchina.

Era la notte tra il 15 e il 16 agosto 2016. 

Sotto processo davanti al giudice Elisabetta Massini del tribunale di Viterbo sono finiti due romeni, uno dei quali dipendente di una ditta di trasporti che aveva ricevuto l’incarico di consegnare una partita di detersivi in Francia e l’altro un suo parente. 

Quest’ultimo avrebbe aspettato in auto il complice nei pressi della zona industriale di Orte, dove la coppia si sarebbe data appuntamento per far sparire parte del carico, nei pressi del casello autostradale, prima che il camionista proseguisse il suo viaggio verso nord.

L’insolito “meeting” non è però sfuggito ai militari della stazione di Orte, agli ordini del maresciallo Sandro Lo Giudice, che hanno fermato i due sospetti per un controllo. 

Uno avrebbe scaricato dal camion e l’altro avrebbe velocemente caricato i fusti sulla vettura.

Quando li abbiamo bloccati l’abitacolo era completamente zeppo dei fusti di detersivo, in tutto 28, e poi c’erano anche due grosse taniche piene di benzina da 25 litri ciascuna”, ha spiegato in aula uno dei carabinieri che hanno condotto l’operazione. 

Sul posto è giunto poco dopo anche il titolare della ditta produttrice del detersivo: “Mi sono stupito, conoscevo l’autotrasportatore, anche se non era mio dipendente ma dell’azienda di trasporti di cui mi servivo, e non avevo mai avuto modo di dubitare che ci fossero ammanchi nei carichi. L’altro, invece, non l’avevo mai visto”, ha aggiunto.

A febbraio la sentenza. 

22 gennaio, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564