--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Finiti gli accertamenti di carabinieri e vigili del fuoco sul luogo dell'incendio divampato la notte del 5 gennaio

Rogo al Poggino, dissequestrate vetture divorate dalle fiamme

Condividi la notizia:

Maxi rogo al Poggino - Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino – Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino - Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino – Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino - Le auto incendiate

Maxi rogo al Poggino – Le auto incendiate

Viterbo – (sil.co.) – Maxi rogo al Poggino, disposto il dissequestro dell’area e delle dodici vetture divorate dall’incendio divampato la notte del 5 gennaio nel piazzale della concessionaria di Rinaldo Della Rocca. 

A distanza di poco più di due settimane, gli accertamenti disposti dalla procura possono dirsi terminati e l’area sottoposta a sequestro, assieme alle vetture incendiate, è stata restituita al titolare che più volte, nei giorni immediatamente successivi all’evento, ha espresso la sua fiducia negli organi inquirenti perché vengano rintracciati i responsabili. 

I rilievi sono stati effettuati dai carabinieri e dal personale del comando provinciale dei vigili del fuoco, mentre sul caso è stato aperto dalla procura un fascicolo per incendio doloso contro ignoti affidato alla pm Eliana Dolce. Sulle indagini, tuttora in corso, vige il massimo riserbo. 

“Avvertimenti, intimidazioni, cosa sta succedendo a Viterbo?”, si chiedeva qualche giorno fa Rinaldo Della Rocca, sollecitando “la salvaguardia dell’impegno, degli investimenti e soprattutto della tranquillità delle tante imprese e tanti privati che sono parte attiva della nostra città”. 

Pronto comunque a ricominciare: “Personalmente non so cosa possa esserci dietro tutto questo, ma la preoccupazione è alta. Dopo quanto accaduto, si riparte. Certo, ma con tanti timori. E soprattutto, con quale spirito?”. 


Condividi la notizia:
23 gennaio, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR