--

--

Ezio-mauro560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitella d'Agliano - Condannato per aver abusato di due sue dipendenti 20enni

Sesso orale e palpeggiamenti, barista in carcere

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Civitella d'Agliano - Carabinieri

Civitella d’Agliano – Carabinieri

Civitella d’Agliano – È finito di nuovo in carcere D.M., il barista di Civitella d’Agliano che nel 2012 è stato condannato dal tribunale di Viterbo a tre anni e sette mesi di detenzione per violenza sessuale su due sue dipendenti.

I carabinieri lo hanno svegliato all’alba di ieri bussando alla porta della sua abitazione per portarlo in carcere, dove dovrebbe rimanere per un anno e nove mesi. D.M., originario di Celleno, è stato arrestato già nel 2009, quando aveva 39 anni. A Mammagialla ha già scontato otto mesi di reclusione, e quattro ai domiciliari.

Accusato di aver violentato le due bariste, all’epoca dei fatti 20enni, che lavoravano nel suo bar di Civitella d’Agliano, è finito davanti al tribunale di Viterbo che lo ha condannato a tre anni e sette mesi. Nel processo, una delle due ragazza si è costituita parte civile. Durante l’ultima udienza, nel 2012, il pm lo ha definito “un incontinente sessuale”.

D.M., secondo l’accusa, avrebbe costretto una delle bariste a rapporti orali mentre la riaccompagnava a casa in auto. L’altra avrebbe invece subito dei palpeggiamenti e un tentativo di rapporto sessuale.

Ricorso in appello e poi in Cassazione, la condanna è diventata definitiva. E l’uomo è tornato di nuovo in carcere.

11 marzo, 2018

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR