Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Sfruttamento della prostituzione - Arrestato con una coppia di coniugi, zii di una delle due vittime

Baby squillo a due passi dalla chiesa della Trinità, alla sbarra un 37enne

Condividi la notizia:

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale

Viterbo – (sil.co.) – Baby squillo a San Faustino, alla sbarra per sfruttamento della prostituzione un 37enne d’origine romena.  E’ il seguito giudiziario dell’operazione “Libertà”.

L’uomo era stato arrestato nel 2015 a Viterbo per sfruttamento della prostituzione minorile con una coppia di coniugi di 27 e 25 anni, anch’essi originari dell’est europeo.

Il sesso a pagamento avrebbe fruttato a chi lo gestiva sui 1500 euro al giorno, il 20-30 per cento dei quali alle escort in erba, pagate tra i 50 e i 100 euro a prestazione. 

Il terzetto avrebbe fatto prostituire in un appartamento di Viterbo, in via delle Mura, vicino alla chiesa della Trinità, e anche a Terni, due giovanissime connazionali, una ragazza appena diciottenne e l’altra ancora minorenne, quest’ultima nipote della donna finita in manette.

Lo “zio” e la “zia”, sono stati già condannati: a 9 e 7 anni in primo grado e  a tre anni e otto mesi e tre anni e quattro mesi in appello. Per il 37enne, invece, anche difeso dall’avvocato Luigi Mancini, il processo si è appena aperto. Entrerà nel vivo il prossimo 16 ottobre. 

 

 


Condividi la notizia:
22 aprile, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR