Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

TW-cliccami-560x60-due-colori

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Spaccio a Bagnaia - Davanti al gip la coppia di insospettabili trovata con un etto di coca e mezzo chilo di marijuana

Droga nel forno e nell’alimentari – Libera la moglie, ai domiciliari il marito

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

L'avvocato Remigio Sicilia

L’avvocato Remigio Sicilia

Viterbo – Droga nel forno e nell’alimentari, torna libera la moglie, agli arresti domiciliari il marito.

“Lo stupefacente era mio, mia moglie non ne sapeva nulla. Ne faccio abbondantemente uso con gli amici. Ma è un caso che avessi tanta roba”, avrebbe detto l’uomo al gip Francesco Rigato durante l’interrogatorio di garanzia,  addossandosi tutte le colpe e scagionando la donna. 

Sono la coppia di insospettabili di Bagnaia, titolari di due avviate attività commerciali nel borgo di Villa Lante, arrestati venerdì sera dai carabinieri con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti dopo il ritrovamento di un etto di cocaina e mezzo chilo di marijuana nei rispettivi negozi e a casa. 

Una coppia molto conosciuta. Lui fornaio e allenatore di calcio quarantenne, lei imprenditrice e madre di famiglia 42enne. Genitori di due bambini in tenera età. L’uomo si è tradito dandosi alla fuga lungo i binari della ferrovia per sottrarsi a un controllo. Quando lo hanno bloccato i militari, in tasca aveva 5 grammi di cocaina. A casa, nel forno e nel negozio di alimentari la sorpresa. 

Marito e moglie, difesi dall’avvocato Remigio Sicilia, avrebbero risposto a tutte le domande del gip che, al termine dell’udienza, convalidando l’arresto di entrambi, ha rimesso in libertà senza alcuna misura cautelare la donna, detenuta ai domiciliari nel weekend per via dei figli, e alleggerito la posizione dell’uomo, che ha potuto la sciare il carcere di Mammagialla, pur restando agli arresti domiciliari. 

Ulteriori sviluppi potrebbero arrivare nei prossimi giorni dall’inchiesta della procura, coordinata dal pubblico ministero Massimiliano Siddi. 

Silvana Cortignani


Articoli: Coca e hashish nel retrobottega di forno e alimentari – Con la coca in tasca, scappa a piedi sulla ferrovia

17 aprile, 2018

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564