Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Camorra - Gli è stata notificata l'ordinanza di custodia cautelare a Mammagialla - In carcere altre sei persone dei clan Lo Russo e Amato-Pagano

Triplice lupara bianca, 37enne arrestato a Viterbo

Condividi la notizia:

Viterbo - Il carcere di Mammagialla

Viterbo – Il carcere di Mammagialla

Viterbo – Era già rinchiuso a Mammagialla, ed è lì che gli è stata notificata una nuova ordinanza d’arresto in carcere. Per triplice omicidio. Tre morti che dal 2009 e fino a ieri erano rimaste lupare bianche.

Secondo i carabinieri del nucleo investigativo che, coordinati dalla direzione distrettuale antimafia di Napoli, hanno condotto le indagini, c’era anche il 37enne Carmine Amato (fino al 2011 tra i cento latitanti più pericolosi) tra gli assassini di Francesco Russo, del figlio Ciro e dell’autista Vincenzo Moscatelli. Tutti vicini al clan dei Capitoni, sono stati uccisi il 15 marzo 2009 a Mugnano di Napoli.

Sette gli arrestati, ritenuti affiliati ai clan camorristici dei Lo Russo e degli Amato-Pagano. “Agirono – spiegano gli inquirenti – su richiesta dei Lo Russo, che decretarono quelle morti per eliminare elementi diventati troppo autonomi in alcune attività illecite e quindi fastidiosi per le dinamiche del clan”.

Oltre che a Mammagialla, le ordinanze di custodia cautelare del gip di Napoli sono state notificate a Mugnano e nelle carceri di Cuneo, L’Aquila, Terni e Tolmezzo (Udine). I reati vanno dall’omicidio al porto e alla detenzione illegale di armi e munizioni, fino all’occultamento di cadavere. E sono tutti aggravati da finalità mafiose.

Gli arrestati sono Carmine Amato, 37enne, già detenuto nel carcere di Viterbo, Cesare Pagano, 48enne, già detenuto nel carcere di Cuneo, Francesco Biancolella, un 66enne di Mugnano (l’unico libero, rinchiuso poi nella carcere di Secondigliano), Lucio Carriola, 43enne, già detenuto nel carcere di Terni, Mario Riccio, 26enne, di Mugnano, detenuto nello stesso carcere, Oscar Pecorelli, 39enne, in carcere a Tolmezzo, Oreste Sparano, 32enne detenuto all’Aquila.


Condividi la notizia:
31 maggio, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR