Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Alta tensione nel centrodestra - Nella cittadina tirrenica dopo le dimissioni tutto tace, ma c'è chi già pensa al voto

Lega pronta a correre da sola a Tarquinia e a Civita Castellana

Condividi la notizia:

Matteo Salvini e Umberto Fusco

Matteo Salvini e Umberto Fusco

Pietro Mencarini

Pietro Mencarini

Tarquinia – (g.f.) – Alta tensione a Tarquinia. Le dimissioni del sindaco Pietro Mencarini hanno fatto discutere. Nel frattempo, le lancette corrono.

Il 24 settembre scadranno i 20 giorni entro i quali il primo cittadino può ripensarci. Passati i quali, l’addio diventerà effettivo. Passo indietro che Mencarini ha già detto di non essere intenzionato a fare.

Pesanti le accuse lanciate contro la sua stessa maggioranza e il suo stesso gruppo, che l’ha sostenuto in campagna elettorale.

Nonostante questo, i consiglieri di maggioranza si sono detti pronti a rinnovargli la fiducia. Finora, risposte zero. Qualcosa si saprà nel consiglio comunale convocato proprio per affrontare la crisi. Ma il commissario s’avvicina e c’è chi già pensa alle prossime elezioni.

In assenza di ripensamenti, a Tarquinia si tornerà alle urne a maggio 2019. I più attivi sembrano quelli della Lega.

Il partito di Salvini è pronto a correre da solo, con un proprio candidato sindaco. Centrodestra. Bye bye. E altrettanto accadrà, sempre secondo le intenzioni, a Civita Castellana.

Del resto, il vento tira a favore del Carroccio anche nella Tuscia, soprattutto dopo l’arrivo di Matteo Salvini a Viterbo il 3 settembre: “È rimasto molto contento dell’accoglienza – spiega il senatore Umberto Fusco – me lo ha detto, non se l’aspettava nemmeno lui così calorosa”.

Nel frattempo, nel capoluogo al partito si aggiunge un altro elemento. “Luciano Bernini è con la Lega”. Un imprenditore che passa fa la spola tra Brasile e Viterbo e molto conosciuto.

A proposito di comuni che tornano al voto, meglio farsi trovare pronti pure a Viterbo. Non si sa mai.


Condividi la notizia:
10 settembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR