--

--

Ezio-mauro560x60

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Vittima di un minorenne e di una ladra all'ottavo mese di gravidanza una donna di Sutri

Aggredita da una coppia di ladri, sviene e viene rianimata dal 118

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Sutri – Aggredita da una coppia di ladri in casa, sviene e viene rianimata dal 118. E’ successo a una donna d’origine polacca, residente in un condominio di Sutri, il 10 gennaio 2017.

Tornata a casa per pranzo, ha trovato due ladri all’interno dell’abitazione che l’hanno spintonata per scappare e l’hanno fatta cadere a terra svenuta. Per rianimarla c’è voluto il massaggio cardiaco, seguito dal trasporto d’urgenza in ospedale. 

Subito soccorsa dai vicini, la vittima è stata rianimata col massaggio cardiaco dal personale del 118 e portata a Belcolle, mentre i carabinieri arrestavano i due malviventi in fuga, un ragazzo minorenne e una donna all’ottavo mese di gravidanza.

Il processo per rapina impropria alla coppia ha preso il via ieri davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei con la testimonianza della vittima, consapevole di avere rischiato grosso.

“Mentre salivo ho sentito che qualcuno da sotto suonava il mio campanello, ma mon ho capito che era per avvisare i ladri del mio rientro. Quando sono entrata nel mio appartamento mi sono trovata davanti un ragazzo che mi faceva cenno di stare zitta poi mi ha aggredita, venendomi contro, per guadagnare l’uscita. Nella colluttazione, mi è piombata addosso anche una donna,  che mi si è avventata contro strappandomi anche la maglietta. Nel frattempo, non so come, eravamo per le scale. Io mi sono ritrovata a terra nell’ingresso del palazzo e sono svenuta. Mi sono ripresa mentre mi stavano facendo il massaggio cardiaco i sanitari del 118, che poi mi hanno portata in ospedale in ambulanza”, ha detto la vittima.

Mentre sul posto accorrevano il 118 e i carabinieri, allertati dagli altri condomini, una vicina che stava parcheggiando l’auto nel cortile ha visto la coppia un fuga su un’auto guidata dal minore.

“Invece di parcheggiare li ho seguiti per un tratto, per vedere la direzione che prendevano”, ha spiegato in aula l’intraprendente testimone.

Poco dopo, anche grazie alle sue indicazioni, i ladri sono stati arrestati.

Il processo riprenderà  il 5 febbraio.

17 ottobre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR