--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Devono testimoniare al processo contro un 63enne accusato di favoreggiamento perché si sarebbe fatto pagare i passaggi

Lucciole con l’autista, scatta la caccia alle prostitute…

Condividi la notizia:

Viterbo - Un'aula del tribunale

Viterbo – Un’aula del tribunale

Orte – Lucciole con l’autista sull’Ortana vecchia, scatta la caccia alle prostitute. Devono testimoniare al processo contro un 63enne accusato di favoreggiamento perché si sarebbe fatto pagare i passaggi. 

La loro testimonianza potrebbe rivelarsi decisiva per l’assoluzione o la condanna dell’uomo, un ternano, arrestato e condotto a Mammagialla il 16 novembre 2012 dai carabinieri della stazione di Civita Castellana, che lo hanno pizzicato in flagrante mentre dava passaggi alle squillo dalla stazione di Orte alla provinciale e viceversa. 

Secondo l’accusa, l’imputato si sarebbe fatto pagare per il “servizio taxi”, di conseguenza – come il tassista che accompagna consapevolmente le prostitute al lavoro – è finito sotto processo con l’accusa di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei.

A incastrarlo sarebbero state le stesse clienti che ai militari hanno riferito come l’attività dello chauffeur fosse consolidata. 

Testimonianze tutte concordanti quelle delle lucciole, prevalentemente di origine nigeriana, tra cui ragazze appena maggiorenni, secondo uno dei carabinieri intervenuti, sentito in aula come testimone: “Ci hanno detto che il 63enne le aspettava sistematicamente all’arrivo del treno da Roma e poi con la sua auto le accompagnava sull’Ortana e di nuovo a Orte Scalo al termine del ‘turno’ di lavoro”. 

Alla domanda del giudice Mattei se le lucciole siano ancora reperibili per una eventuale testimonianza, il militare ha risposto: “Alcune sono ancora in zona, un paio, ma non si fanno prendere. Abitano a Roma, arrivano col treno la mattina e ripartono la sera”. Ciononostante il collegio ha deciso di fare un tentativo, disponendo la ricerca delle supertestimoni, per sentirle all’udienza del prossimo 12 febbraio. 

 


Condividi la notizia:
15 ottobre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR