Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

Tutankhamon-560x80

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Imputato il padre - Avrebbe cercato di farsi restituire oltre un anno di affitti per una casa vicino al Bambin Gesù tenuta solo tre mesi

Rimborsi non dovuti per la malattia del figlioletto, processo al via

Viterbo - Tribunale

Viterbo – Tribunale

Viterbo – Rimborsi non dovuti per le spese sostenute da una famiglia durante il ricovero del figlio malato al Bambin Gesù per un trapianto di midollo osseo. 

Il bimbo per fortuna ora sta bene, ma il padre è finito sotto processo per indebita percezione di erogazioni a danno dello stato.

L’uomo, un viterbese inizialmente indagato per truffa allo stato, è comparso nei giorni scorsi per la prima volta davanti al giudice, difeso dall’avvocato Luigi Mancini. 

In aula i primi due testimoni dell’accusa, il maresciallo della guardia di finanza di Viterbo che si è accorto delle anomalie e una donna romana che aveva affittato ai genitori l’appartamento vicino all’ospedale dove sono rimasti soltanto per due mesi agosto e settembre 2012, pagando un canone complessivo di 1800 euro. 

“Dovevano restare più a lungo, ma hanno lasciato l’appartamento prima, dicendo che il figlio era stato dimesso”, ha spiegato la teste, negando che l’imputato abbia pagato affitti anche nel periodo da ottobre 2012 fino al 2014, come risulta invece dalle richieste di rimborsi.

“Ci siamo accorti che le richieste di rimborso per gli affitti non erano regolari perché erano delle scritture private, senza alcuna registrazione allegata, un’anomalia. Come lo erano gli scontrini fiscali e le ricevute per altre spese, la maggior parte senza indicazione del luogo dove era stato consumato il pasto e via dicendo, quanto meno incompleti. Ci siamo insospettiti e abbiamo approfondito”, ha spiegato il maresciallo Giuseppe Graziano.

Il problema è che non è ancora chiaro l’ammontare della somma illecitamente richiesta dall’imputato tramite la Asl di Viterbo, parte offesa la Asl Roma 1 che si è costituita parte civile al processo per ottenere il risarcimento del danno economico subito.

Si torna in aula il 14 novembre e per quella data il giudice si aspetta il conto. 

14 ottobre, 2018

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR

Ciminauto -1036x80-16-10-18-OK