--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Niente vertice di maggioranza - Le posizioni in maggioranza restano distanti dopo il passaggio dei tre da FdI a Lega

Il centrodestra continua a ballare

Condividi la notizia:

Umberto Fusco

Umberto Fusco

Giovanni Arena

Giovanni Arena

Viterbo – (g.f.) – Centrodestra in comune, le fibrillazioni continuano.

Era mercoledì, ovvero oggi, la data indicata dal senatore Umberto Fusco (Lega) per tirare le somme di una situazione che si fa ogni giorno più complicata, fra le varie forze politiche a sostegno del sindaco Arena.

Ma l’incontro che doveva seguire quello di sabato mattina, è rinviato. Forse mai segnato in agenda.

Passeranno diversi giorni prima che Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Fondazione si ritrovino allo stesso tavolo.

Le posizioni restano distanti e soprattutto, la ferita che si è aperta con l’addio di due consiglieri e un assessore a Fratelli d’Italia per passare alla Lega, è ben lontana dal rimarginarsi.

Confusione. Prova ne sia, le quotidiane voci di qualcuno pronto a passare da una parte all’altra. Un giorno è Paola Bugiotti, da Forza Italia alla Lega, un altro è Giulio Marini e Isabella Lotti, destinazione da Forza Italia a FdI e l’altro, sempre Marini, ma in compagnia dell’assessora Antonella Sberna, però, destinazione Lega.

E poi FdI. Aggiornando un detto famoso, che diventerebbe non c’è tre senza quattro, con Vittorio Galati verso la Lega. Voci in libertà.

Di certo, Ubertini, Micci e Cepparotti spostandosi, seppure all’interno della stessa maggioranza, hanno smosso problemi mai del tutto sopiti, difficoltà mai superate. Ad appena cinque mesi dall’insediamento.

Adesso tocca al sindaco sbrogliare l’intricata matassa.

Al momento, non sembra bastare l’assegnazione di deleghe ancora di sua competenza, Ambiente e Personale a FdI, per compensare le uscite. Non pare avere avuto grande seguito nemmeno il possibile scambio d’assessorati Lega – FdI, Urbanistica – Lavori pubblici.

Fratelli d’Italia puntava probabilmente a tornare nella situazione precedente all’uscita dei tre. Entrambe le deleghe. La Lega nemmeno si sogna di cederne una. Il botta e risposta tra i due è piuttosto eloquente.

Serve tempo. Ma chi ha tempo non perda tempo.


Condividi la notizia:
21 novembre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR