Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Luigi Telli (Prc) attacca la consigliera comunale della Lega: "Volete combattere la povertà prendendovela con i poveri"

“Così Salcini alimenta solo paura e razzismo”

Condividi la notizia:

Luigi Telli

Luigi Telli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La Lega sembra voler combattere la povertà prendendosela con i poveri. L’assessora leghista Nunzi già s’era distinta tempo fa, comminando un anomalo Daspo urbano nei confronti di una donna in stato di ubriachezza e con ridotte capacità di controllo.

Anche allora, si giocava la carta della distrazione di massa. Per mascherare l’inettitudine e la paralisi amministrativa, la destra cerca di alzare un polverone cambiando discorso, e puntando al bersaglio più facile in questi casi: chi vive una condizione di disagio (abitativo, sociale, psichico…).

Oggi il meccanismo è ben oliato, grazie alle politiche autoritarie, antisociali e xenofobe del governo nazionale. Così la Lega a Viterbo prova ad alzare il tiro, con la consueta arroganza priva di argomenti. Le interrogazioni in consiglio comunale, e le dichiarazioni della capogruppo Salcini propongono l’ennesima variazione sul tema: si lancia l’allarme per i “senza tetto, ubriachi e drogati” che di notte occuperebbero la stazione ferroviaria viterbese, si evocano “episodi di cronaca riguardanti in larga parte extracomunitari e immigrati”, si denuncia che “esistono vie diventate inaccessibili perché punti di ritrovo di cittadini extracomunitari”.

A onor del vero, i senza fissa dimora in questione sono al massimo due (due!), non ostacolano l’accesso al servizio né importunano nessuno e se ne vanno al primo turno di pulizie del mattino. Quanto alla definizione di “ubriachi e drogati” buttata lì, è vero che, trovandosi la stazione in prossimità del Sert, potrebbero circolarvi persone in cura presso quella struttura – ma si tratta di ipotesi.

Chiediamo a Salcini quali diagnosi abbia fra le mani che attestino le sue conclusioni. Per un politico, crediamo, dovrebbe essere d’obbligo una qualche prudenza prima di fare certe esternazioni. Ad esempio, che si intende per “episodi di cronaca riguardanti extracomunitari”? E quali “punti di ritrovo degli extracomunitari” renderebbero inaccessibili le “vie” della città? In assenza di dati e di spiegazioni circostanziate, quelle frasi sono frasi vuote, senza contenuto, e servono solo ad alimentare paura e razzismo.

Nel merito, già in passato avevamo chiesto, con il comitato Lavoro e beni comuni, che il comune aprisse i locali pubblici di sua proprietà per offrire riparo ai senza fissa dimora (titolari di diritti anch’essi, come tutti). Niente di fatto. Mancano politiche sulla casa, si tagliano le risorse sui servizi sociali, ma si parla il linguaggio della sicurezza e della repressione.

Quanto all’impraticabilità delle vie di Viterbo evocata da Salcini, forse ha ragione, ma in un altro senso. Basta camminare per la città: piani di viabilità inesistenti, trasporti pubblici aleatori, strade dissestate e sporche, cumuli di immondizia non raccolta, scomparsa di piccole attività e apertura di centri commerciali in periferia. Ma questo chiama in causa non la presenza di migranti tossicodipendenti o senzatetto bensì l’incapacità dell’amministrazione cittadina.

Luigi Telli
Laura Damiani
Prc – Circolo di Viterbo


Condividi la notizia:
14 gennaio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR