--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronache dall'era dell'incompetenza - La crisi al comune di Viterbo e le aberrazioni di una classe "dirigente"

Quando la politica è “sangue e merda”…

di Carlo Galeotti
Condividi la notizia:

Burt Lancaster nei panni di don Fabrizio Corbera, principe di Salina, duca di Querceta, marchese di Donnafugata

Burt Lancaster nei panni di don Fabrizio Corbera, principe di Salina, duca di Querceta, marchese di Donnafugata

Viterbo – E sì. Lo diceva tal Rino Formica nell’era craxiana. “La politica è sangue e merda”. Dove il sangue forse voleva essere qualcosa di eroico. Ma la merda era semplicemente merda.

Chi non ne fosse convinto basta che dia uno sguardo alla guerra che si sta combattendo in comune. Unico problema le poltrone. E non che le poltrone non contino. Ci mancherebbe. La politica è gestione del potere e le poltrone hanno il loro valore. Ma questa politica che si trascina per mesi senza un’idea, senza un guizzo, senza un atto creativo. Niente. Di niente. A che serve?

Si sente dire solo “io voglio ‘sta poltrona”. “Io ne voglio tre”. “Io ne merito quattro”. Una squallida lotta solo per le poltrone che non si capisce a cosa serva. Vista anche la qualità, a voler essere magnanimi, scadente di chi le va a ricoprire.

Certo siamo nell’era dell’incompetenza e non c’è da meravigliarsi. Come nella Cambogia di Pol-Pot chi porta gli occhiali è quanto meno sospetto. E sicuramente infido. Potrebbe aver annusato qualche libro. Ma il livello di questa maggioranza è incredibile. La diciamo grossa: roba da far rimpiangere la strampalata giunta guidata da Leonardo Michelini. L’abbiamo detta grossa… 

Questa maggioranza tra parentele poco eleganti, assessori e consiglieri impresentabili, cambi di casacca incomprensibili per i poveri mortali, liti diuturne per lo strapuntino è veramente l’aberrazione dell’aberrazione della politica. Intanto la città è allo sbando più completo. È sporca. Piena di buche. Crolla da tutte le parti. Passa da una emergenza all’altra. E la giunta che fa? Discute sulle deleghe. Sì, sulle deleghe. 

Certo. Il sindaco Arena ci ha certificato che “l’aria a Viterbo è pulita”. E allora cosa vogliono i cittadini? L’aria è pulita. Sarà merito della nuova giunta. E non della tramontana.

E va anche ricordato che questa maggioranza l’ha spuntata alle ultime elezioni per qualcosa come 500 voti. E allora ci si sarebbe aspettati che avesse scelto degli assessori non per parentela, incompetenza e appartenenza, ma appunto per competenza, autorevolezza e credibilità. Il sindaco Arena doveva scegliersi la squadra e lo doveva fare non badando solo alle indicazioni dei partiti e partitini. Poteva mettere i partiti con le spalle al muro scegliendo personaggi di chiara capacità. Beh scusate, mi sono lasciato andare, neppure in un film della Disney potrebbe accadere. Tanto meno in questa maggioranza farlocca “di nani e ballerine” per giunta senza neppure nani e ballerine. Sempre per citare il buon Formica.

In tutto questo le opposizioni, in questo momento di crisi politica, appaiono stranamente afasiche.

La crisi si dipana tra la presa di posizione dell’eminente senatore erede di Benedetto Croce e del giovin, “giovin” si fa per dire ormai, deputato. E tutto tace. Tutto tace come accadeva nel fortino del Deserto dei tartari, nell’attesa che qualcosa di assolutamente sconvolgente accada.

Ma come nel Deserto dei tartari nulla accade. Nulla cambia nella città dei gattopardi… Si passa da una maggioranza all’altra e la città sembra scomparire in lontananza alla vista della politica. E qui non c’è neppure il principe di Salina, duca di Querceta, marchese di Donnafugata, a dar lo smalto della più decadente nobiltà a questa improbabile classe dirigente. Dirigente, anche questa volta, si fa per dire.

Qui, immancabilmente tutti tengono, e tengono solo, famiglia… E tutto è silenzio e mediocrità

Carlo Galeotti


Condividi la notizia:
24 febbraio, 2019

Ho visto cose che voi umani... ... Gli articoli

  1. Manifestazione antimafia, ma i parlamentari viterbesi dove erano?
  2. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  3. Nessuno tocchi la torre di Pier Paolo Pasolini...
  4. Belushi, Benigni, il buon Astorre e Casapound...
  5. "Grazie per gli auguri e per la cavalcata nel tempo trascorso..."
  6. Il principe nero compie 90 anni
  7. I cazzi di Michelangelo e la cacotopìa di Bentham...
  8. Cara Chiara Bordi questa volta hai leonardato... perché il cuore è un occhio
  9. "E siamo noi a far bella la luna..."
  10. "Museo civico chiuso a Ferragosto, icona di una città che muore"
  11. "Il museo civico chiuso a Ferragosto? E' solo la punta di un iceberg"
  12. "A Ferragosto il museo civico doveva essere aperto e gratuito..."
  13. "Ricordare a Beppe “Ciccio” Fioroni che non è più deputato Pd..."
  14. Sebastiano del Piombo? E chi cazzo è?!
  15. "Via San Lorenzo al buio, quelle luci erano degli anni Quaranta..."
  16. Via San Lorenzo al buio e abbandonata agli schiamazzatori
  17. Se uno alza la palla a Salvini, quello te la schiaccia in faccia
  18. "Pulirò la fontana con le mie mani, se necessario..."
  19. "No, non si può fare il bagno nelle fontane della città... e Caporossi pagherà la sanzione"
  20. A Viterbo, signor sindaco, si può fare il bagno in mutande nelle fontane?
  21. "Indignato e disgustato dalla performance di Caporossi..."
  22. Dialogo sconsolato sui minimi sistemi...
  23. Chiara Frontini la grillina... a sua insaputa
  24. Solo chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo...
  25. Se vedete che sto diventando come Fioroni, abbattetemi!
  26. Sono 15 anni che rompiamo i coglioni...
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR