--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Consiglio comunale - Fabrizio Purchiaroni lascia Forza Italia con un duro atto d'accusa verso maggioranza e sindaco Arena - Subito il primo voto con l'opposizione

“La città non merita un’amministrazione che pensa solo a posizioni e nomine”

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Purchiaroni si dimette da Fi

Purchiaroni si dimette da Fi

Purchiaroni si dimette da Fi

Purchiaroni si dimette da Fi

Viterbo – “Viterbo non merita quest’amministrazione”. Fabrizio Purchiaroni lascia il gruppo di Forza Italia e la maggioranza. E lo fa sbattendo la porta, lanciando pesanti bordate al centrodestra a palazzo dei Priori. Accusato di pensare solo a posti, poltrone, bandierine da posizionare, piuttosto che ad amministrare la città.

Uno spettacolo imbarazzante che ha convinto l’azzurro, già fortemente critico a piantare in asso il sindaco Arena.

Va al gruppo misto, anche se può essere formalizzato solo con due consiglieri. Ma chissà che presto non arrivi qualcuno a fargli compagnia. Nel frattempo, restano le parole pesanti di Purchiaroni. Macigni contro i suoi colleghi di maggioranza.

Sono passati solo nove mesi, una vita rispetto a una campagna elettorale che lo ha visto fianco a fianco con Giovanni Arena. “Vedo molte attenzioni da parte dei partiti di maggioranza – dice Purchiaroni – verso posizioni e incarichi amministrativi, in una spasmodica ricerca di posizionare la propria bandierina su questo o su quello. Come una partita a Risiko. Credo che Viterbo non si meriti tutto questo”.

La città vuole altro, secondo Purchiaroni: “Credo che i viterbesi non ci chiedano posizioni, nomine, giunte, crisi, ma vogliano vedere risolti i problemi della città. È qui che avrei voluto avere il confronto politico, sul idee, proposte, progetti.

Oggi con tristezza mi trovo a prendere una difficile decisione, dopo che più volte nei mesi scorsi ho cercato d’esprimere il mio pensiero all’interno del gruppo di Forza Italia”. Invano. “Troppe volte le mie idee non hanno trovato riscontro – insiste Purchiaroni – oggi non mi ritrovo con l’indirizzo che il gruppo di Forza Italia sta dando all’amministrazione comunale”.

Quindi, tutto quello che non va, dalla tassa di soggiorno: “mi è stato detto che doveva essere fatta entro il 31 dicembre, ma oggi, al 20 marzo nessun atto è stato fatto nel merito”. Il piano del commercio: “si sarebbe dovuto approfondire e sviluppare lo studio, ma è prevalsa la volontà d’approvare un documento non condiviso, che tante perplessità ha lasciato ad operatori, turisti e cittadini”. La rigenerazione urbana: “anche qui di corsa, anche qui senza meditare su un provvedimento di così ampio respiro”.

Ma Arena era già partito male: “Le scelte iniziali della giunta a nove – osserva Purchiaroni – nominando assessori esterni. Con questa decisione, a mio avviso, non è stata rispettata la volontà degli elettori”.

In ultimo, la crisi: “Il 21 febbraio è stato sollevato dall’incarico un assessore eletto otto mesi prima dai cittadini in loro rappresentanza”. Parla di Claudia Nunzi. Ricorda le motivazioni, il venir meno delle condizioni politiche.

“Oggi ci viene presentata in questo consiglio la giunta restaurata, una giunta dove, per raggiungere le quote rosa, si attribuiscono deleghe inconsistenti, fingendo che tutto sia stato risolto e andando contro la dignità delle donne stesse”. E qui si prende l’applauso da parte dell’opposizione.

Amare le conclusioni: “Non è così che avevo immaginato quest’esperienza di consigliere comunale all’interno del gruppo di FI. Per tutto questo, oggi ho maturato la decisione che il mio percorso amministrativo debba proseguire in maniera indipendente dal gruppo”.

Purchiaroni diventa battitore libero. “L’impegno amministrativo assunto verso i cittadini potrà in tal modo essere scevro da condizionamenti di sorta. Potrò da consigliere valutare e votare i provvedimenti che riterrò utili per la crescita civile, sociale ed economica della città di Viterbo”.

Per chiudere, una speranza: “ Mi auguro che in futuro l’amministrazione guardi alle questioni e ai problemi della città, piuttosto che alle crisi politiche, anche perché i viterbesi, ogni giorno hanno a che fare con crisi molto più importanti rispetto a quelle politiche”.

Intanto in consiglio comunale arriva il primo voto contro di Purchiaroni. Su un emendamento sulla rigenerazione urbana, vota con l’opposizione.

Giuseppe Ferlicca


Documenti: Il discorso di Purchiaroni: “Non avevo immaginato così la mia esperienza di consigliere”

Arena perde un pezzo, Purchiaroni lascia Forza Italia


Condividi la notizia:
20 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR