--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Comune - Sull'appalto ponte il sindaco Arena attacca ed è scontro con Chiara Frontini (Viterbo 2020) in consiglio

“Rifiuti, se abbiamo dormito lo ha fatto pure chi c’era prima…”

Condividi la notizia:

Chiara Frontini e Giovanni Arena

Chiara Frontini e Giovanni Arena

Viterbo – (g.f.) – “Se abbiamo dormito, lo abbiamo fatto tutti, anche chi c’era prima”. Bando ponte dei rifiuti ancora in primo piano e il sindaco Giovanni Arena, sollecitato in consiglio comunale, prova a dire la sua sul perché si sia arrivati alla gara temporanea e non a quella pluriennale.

Questione di tempo. Che non c’è stato, per il primo cittadino. Perso, per Chiara Frontini (Viterbo 2020).

Se proprio qualcosa si è perso, secondo Arena è in continuità con chi c’era prima.

“Nella delibera – osserva Frontini – si parla di oggettiva impossibilità nell’effettuare la gara pluriennale, ma l’impossibilità oggettiva ve la siete creata voi e non è oggettiva. Si perso tempo per dieci mesi”.

Arena ha un altro concetto del tempo che scorre. “Da settembre – osserva il sindaco – dei sei mesi di proroga ne abbiamo utilizzati due per predisporre gli atti”.

Le ragioni del ritardo, nell’avvicendamento tra vecchia e nuova amministrazione e in quello dei dirigenti all’Ambiente.

“La precedente responsabile è andata in pensione e negli ultimi 180 giorni – ricorda – ha effettuato il 40% di ferie dovute. Il nuovo ha preso servizio il 4 gennaio”.

L’urgenza parte da lontano. “Come mai – si domanda Arena – sapendo che c’erano queste scadenze, le linee guida sono state predisposte solo ad aprile 2018? Si dovevano pensare prima.

Quindi, se abbiamo dormito, abbiamo dormito tutti, chi più e chi meno. Noi abbiamo sputato veleno per recuperare il tempo perso”.

Risposte insoddisfacenti, per Frontini, oltretutto perché ha un dubbio: “Ringrazio il dirigente Monaco che gli ha scritto quello che ci ha spiegato il sindaco”.

Arena non ci rimane molto bene, ma non si perde d’animo e replica. “So che lei è tuttologa – dice il sindaco a Frontini – mi inchino alla sua scienza, ma io siccome non conosco tutto, mi avvalgo dei miei dirigenti”.

Il ponte, inteso come gara, era inevitabile: “Per esigenze di trasparenza – asserisce Arena – e perché l’appalto pluriennale necessita di modifiche radicali, dal momento che tutti concordiamo sul fatto che il servizio di nettezza urbana sia stato insoddisfacente.

Poi, abbiamo dovuto individuare, attraverso riscontri incrociati, il numero preciso di utenze”. Nessuna risposta, invece, sulle deroghe alle linee guida varate dal consiglio comunale e segnalate nella delibera di giunta.


Articoli: “Appalto ponte rifiuti, porteremo gli atti in procura e corte dei conti” – – “L’appalto ponte costerà 500mila euro che pagheranno i cittadini”


Condividi la notizia:
15 marzo, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR