--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Si tratta di un vedovo residente a Onano - Disposto il divieto di avvicinamento all'attrice, che perseguiterebbe da dieci anni

E’ un vedovo 68enne dell’Alta Tuscia lo stalker di Sabrina Ferilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Sabrina Ferilli

Sabrina Ferilli

L'avvocato Enrico Valentini

L’avvocato Enrico Valentini

Onano – (sil.co.) – E’ un vedovo 68enne dell’Alta Tuscia lo stalker di Sabrina Ferilli.

Nell’arco degli ultimi dieci anni l’uomo, Carlo Neri, 68 anni, ufficialmente residente a Onano anche se negli ultimi tempi stava più a Roma che nel Viterbese, si sarebbe trasformato da ammiratore a persecutore della popolare attrice romana che alla fine si è decisa a denunciarlo. 

Ora sul pensionato viterbese vige il divieto di non avvicinare l’attrice  per un raggio di almneo 500 metri disposto dal gip del tribunale di Roma. Giovedì, assistito dai difensori Enrico Valentini e Samuele De Santis, l’uomo è stato interrogato.

Secondo l’accusa, lo stalker, nato a Desio, in provincia di Milano, nel 1950, le avrebbe inviato lettere in continuazione e si sarebbe appostato sotto casa per incontrarla. Ma non solo. L’avrebbe seguita nei posti in cui lei si recava, dalla palestra alle boutique. In una circostanza avrebbe cercato di fermarla prendendola per un braccio. Atti persecutori il reato contestato.

Gli inquirenti hanno ricostruito, in seguito alla denuncia dell’attrice, il modus operandi del 68enne onanese. Il contenuto delle lettere sarebbe spesso delirante. In una circostanza l’uomo le avrebbe scritto: “Ho un mandato dei marziani per garantire la prosecuzione della razza umana”. Il provvedimento è stato firmato dal gip Alessandro Arturi su richiesta del procuratore aggiunto Maria Monteleone e del sostituto Daniela Cento.

La Ferilli ha rivelato il suo calvario a fine gennaio al pubblico ministero Francesca Cento, assegnata al pool specializzato sui reati sessuali, le molestie e gli stalker. L’uomo, per un periodo un fan come tanti altri, avrebbe preso a perseguitarla, facendosi sempre più insistente, dal 2014. 

Sempre più invadente, avrebbe cominciato a spedirle regali e mazzi di fiori accompagnati da messaggi espliciti sulla loro inesistente storia d’amore. Fino a quando il molestatore – nella primavera del 2015 – avrebbe iniziato a tenderle veri e propri agguati. Utilizzando l’agenda pubblica dell’attrice, lo stalker sarebbe diventato una presenza costante in tutte le occasioni a cui la Ferilli ha partecipato: dalle trasmissioni televisive alle presentazioni dei film, passando per gli eventi mondani.

Nell’agosto del 2018, saputo che Sabrina era in vacanza a Ischia con il marito, il manager Flavio Cattaneo, avrebbe persino cercato di raggiungere la sua vittima.

“Me lo trovo davanti in continuazione”, si sarebbe sfogata l’attrice in procura. “Mmi aspetta sotto casa, compare all’improvviso mentre passeggio e persino quando vado a prendere l’auto in garage”, avrebbe proseguito.

Pare che la seguisse pure in trasferta. Il 23 gennaio l’uomo sembra essere stato avvistato nei pressi del ristorante Berton, a Milano, dove la Ferilli stava cenando.

Insomma, una persecuzione, della quale si è accorta anche la troupe di L’amore strappato, la nuova fiction di Canale 5 con Sabrina protagonista. Un giorno lo stalker si è presentato sul set di Villa Torlonia, a Tivoli, chiedendo di poter incontrare la sua fidanzata Sabrina Ferilli.

L’attrice si è decisa infine a denunciare quando, per un progetto Tv per il quale dovrebbe vestire i panni di una magistrata, ha incontrato il procuratore aggiunto di Roma, Maria Monteleone, assegnata all’inchiesta sulle baby squillo dei Parioli. Proprio la Monteleone le ha suggerito di rivolgersi al pool sui reati sessuali. “Ho paura che questa storia possa ulteriormente degenerare. Ormai mi segue ovunque, l’ho anche trovato sotto casa”, avrebbe detto Sabrina al pubblico ministero Francesca Cento.


Condividi la notizia:
4 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR