--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Commerciante ucciso nel suo negozio di via San Luca - Il gip ha convalidato il fermo e confermato la custodia cautelare in carcere del 22enne statunitense Michael Aaron Pang: "È pericoloso"

L’omicida di Fedeli punta a evitare l’ergastolo

Condividi la notizia:

Michael Aaron Pang

Michael Aaron Pang

Norveo Fedeli

Norveo Fedeli

Omicidio via San Luca - Gli avvocati Remigio Sicilia e Lilia Ladi

Omicidio via San Luca – Gli avvocati Remigio Sicilia e Lilia Ladi

Viterbo – Michael Aaron Pang rischia l’ergastolo. Al 22enne coreano con cittadinanza statunitense la procura di Viterbo contesta l’omicidio (quello di Norveo Fedeli, il commerciante di 74 anni ucciso nel suo negozio di via San Luca) aggravato dalla rapina. Il 12 aprile il parlamento ha approvato la nuova legge, pubblicata in gazzetta il 19, che vieta il giudizio abbreviato per i reati puniti con l’ergastolo (tra cui l’omicidio aggravato). Per Pang l’unica possibilità di ottenere uno sconto di pena pari a un terzo, sarebbe la riformulazione del capo d’accusa senza aggravate.

Ieri il gip ha convalidato il fermo e confermato la custodia cautelare in carcere: “Per la gravità di quanto descritto nell’interrogatorio, è un soggetto pericolo. Su di lui gravi indizi di colpevolezza”.

Martedì davanti al giudice Savina Poli il 22enne ha confessato l’omicidio e ha detto che il movente, a differenza di quanto finora ipotizzato dagli investigatori, non sarebbe né la rapina né la volontà di appropriarsi della merce senza pagarla. “Sono entrato nel negozio per comprare quei 600 euro di vestiti, ma la carta continuava a non funzionare – ha ricostruito Pang al giudice Savina Poli. Non volevo ucciderlo ma Fedeli, che fino ad allora è sempre stato molto gentile, mi ha aggredito. E io ho reagito. Ho preso lo sgabello e l’ho colpito alla testa. Più volte, ma non ricordo quante”. Il 22enne, stando al suo racconto, avrebbe dunque agito per difendersi.

L’interrogatorio davanti al gip è andato avanti per tre ore e mezzo. “Ha chiesto perdono per aver portato via questa vita – rivelano i suoi difensori, gli avvocati Remigio Sicilia e Lilia Ladi -. Si è scusato con la famiglia della vittima, con la sua e con tutta la città di Viterbo. Ci ha spiazzato e commosso. Ha chiarito molti aspetti importanti e ora abbiamo indagini difensive da fare, persone da ascoltare”. La difesa sarebbe anche pronta a chiedere la perizia psichiatrica per valutare la capacità di intendere e di volere di Pang.

In Italia da febbraio, il 22enne è stato rintracciato sabato mattina a Capodimonte e portato nel carcere di Mammagialla. Il giorno prima, intorno all’ora di pranzo e a pochi minuti dalla chiusura, era entrato nella jeanseria di Fedeli in via San Luca. C’era già stato il 30 aprile e il 2 maggio, quando i tentativi di pagare la merce erano andati a vuoto. “Ero sicuro che i soldi c’erano – ha affermato Pang durante l’interrogatorio -. Almeno mille euro, se non addirittura mille e duecento. Pochi giorni prima, infatti, avevo ricevuto un accredito di mille e 600, mille e 700 euro dai miei genitori”. I suoi avvocati sottolineano che “la Guardia di finanza sta continuano a indagare sulla sua disponibilità economica”.

La vittima era stata insospettita da quel giovane cliente che non parlava una parola d’italiano e che per più volte era entrato nella boutique senza riuscire a pagare i vestiti. Fedeli temeva una truffa e, allarmato, di nascosto aveva fotografato il 22enne con lo smartphone. “Lo sapevo, me ne ero accorto. Il 2 maggio – ha ricostruito Pang – il commerciante ha fatto finta di fotografare il negozio, ma ho sentito il rumore della camera. L’ho visto imbarazzo e ho capito che mi aveva immortalato”. Venerdì, dopo aver colpito il 74enne con lo sgabello, si è appropriato della merce, del portafoglio e del cellulare della vittima. Il telefonino è stato ritrovato in una stradina vicina a via San Luca. Il 22enne avrebbe provato a cancellare le foto che Fedeli gli aveva fatto, senza però riuscirci. Lo smartphone era protetto da un codice d’accesso e così se ne è disfatto. Quando gli investigatori hanno recuperato il cellulare, le immagini con il volto di Pang erano ancora al suo interno.


 – Pang in carcere sta male, sarà visitato da uno psicologo…

Multimedia: Video: Michael Pang confessa e chiede scusa – Contro la violenza – Viterbo scende in piazza – I funerali di Norveo Fedeli – I vicini di casa di Michael Pang – Il fermo del presunto omicida – Omicidio Fedeli – La Procura: “Un ragazzo pericoloso che poteva scappare” – Omicidio in via San Luca – Commerciante ucciso a sprangate – Il sindaco: “Vittima trovata in un lago di sangue”

Fotocronaca: Viterbo alza la testa – Michael Aaron Pang – I funerali di Norveo Fedeli – La città saluta Norveo Fedeli – Omicidio Fedeli, il presunto killer prima e dopo il delitto – Omicidio Fedeli, i media Usa – Omicidio in via S. Luca, il fermato viene portato in carcere – Il fermo del presunto omicida di Norveo Fedeli – Negoziante ucciso a sprangate – Negoziante trovato morto in via San Luca – Omicidio in via San Luca

Videointervista: Parla la prima donna entrata nel negozio


Condividi la notizia:
9 maggio, 2019

Omicidio in via San Luca ... Gli articoli

  1. Omicidio Fedeli, al via le perizie della scientifica di Roma
  2. "Una scena del crimine drammatica, come poche se ne vedono"
  3. Omicidio Fedeli, la scientifica sulla scena del crimine
  4. Omicidio Fedeli, l'ambasciata Usa vuole portare un dizionario a Pang
  5. Ha ucciso Fedeli e ha mangiato un kebab vicino al negozio del delitto
  6. Funzionari dell'ambasciata Usa in carcere per incontrare Pang
  7. “Norveo Fedeli per noi è un caduto sul lavoro”
  8. I parenti di Norveo: "Un omicidio brutale che non ha giustificazioni"
  9. Pang in carcere sta male, sarà visitato da uno psicologo...
  10. "Vicini al dolore della famiglia Fedeli"
  11. Resta in carcere l'assassino di Norveo Fedeli
  12. "Michael è incensurato, ha scontato con la messa alla prova la guida in stato di ebbrezza"
  13. "Pang era in trattative per rilevare un ristorante a Vetralla"
  14. Pang al gip: "Ho reagito a un'aggressione di Fedeli"
  15. "Un crimine efferato, i familiari della vittima pronti a costituirsi parte civile"
  16. "Il movente non è la rapina e non c'è premeditazione"
  17. Omicidio Fedeli, Michael Pang confessa: "Chiedo perdono"
  18. "Pang ha rischiato di uccidere mio figlio in un incidente"
  19. "Sogna in grande, spingi duro", sulla pagina Facebook di Michael una valanga di slogan motivazionali...
  20. Fedeli insospettito fotografò il ragazzo che lo avrebbe ucciso
  21. "Arresto di Michael Aaron per omicidio, la madre è sotto shock'"
  22. Pang negli Usa era stato già condannato, a nove mesi quando era minorenne
  23. "Basta con la violenza, dobbiamo costruire una città migliore"
  24. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  25. Oggi l'addio a Norveo Fedeli, è lutto cittadino
  26. "Michael Aaron è affranto e disperato, non era mai stato in carcere"
  27. Il brutale omicidio di Fedeli finisce sui media statunitensi
  28. Incensurato, americano e regolarmente in Italia
  29. "Omicidio in via San Luca, la fiaccolata è lodevole ma non è sufficiente"
  30. "Domani saremo tutti di un sentimento"
  31. Uccide Fedeli, si toglie i vestiti insanguinati e sale sul bus per Capodimonte
  32. I vestiti e le scarpe ancora sporchi di sangue in casa del ragazzo fermato
  33. "I cittadini hanno diritto a non avere timore"
  34. Bandiere a mezz'asta e un minuto di silenzio per Norveo Fedeli
  35. "Serve un piano di emergenza contro la criminalità"
  36. "Un uomo sempre sorridente e cordiale"
  37. "Speriamo si possa arrivare a una condanna definitiva quanto prima"
  38. Il presunto omicida di Fedeli fermato mentre passeggiava in piazza
  39. Fermato il presunto omicida di Norveo Fedeli
  40. "Bisogna rafforzare il controllo del territorio"
  41. Colpito alla testa e ucciso con uno sgabello, trascinato e nascosto dietro i vestiti appesi
  42. Feroce omicidio in pieno centro, gli abitanti: "Abbiamo paura..."
  43. "Il negozio era in disordine e a terra c'era tantissimo sangue..."
  44. Omicidio Fedeli, lutto cittadino e corteo silenzioso per le vie del centro
  45. Omicidio in via San Luca, sotto sequestro il negozio Fedeli
  46. "Norveo Fedeli, uomo buono e gentile"
  47. Norveo Fedeli ucciso a sprangate
  48. Omicidio in pieno giorno in un negozio in via San Luca
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR