Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - San Pellegrino in Fiore - L'assessore De Carolis (Turismo) in consiglio sull'ultima edizione sottotono costata 61mila euro

“Per com’è andata il comune non avrebbe dato quei soldi”

Condividi la notizia:

Marco De Carolis

Marco De Carolis

Viterbo - Piante in vendita a piazza delle Erbe durante San Pellegrino in fiore

Viterbo – Piante in vendita a piazza delle Erbe durante San Pellegrino in fiore

San Pellegrino in fiore senza fiori

San Pellegrino in fiore senza fiori

Viterbo – (g.f.) – “Per com’è andata l’ultima edizione di San Pellegrino in Fiore, il comune non avrebbe dato quell’importo”. Non si spengono le polemiche su una manifestazione apparsa appassita e anche l’assessore alla Cultura Marco De Carolis, in consiglio comunale dice la sua.

Rispondendo durante le interrogazioni, esterna le sue perplessità. “Le iniziative correnti – ricorda De Carolis – come San Pellegrino in Fiore, godono di uno stanziamento prestabilito. Vedremo se continuare così anche in futuro”.

A scatola chiusa, senza verificare i risultati è un sistema che non sempre può funzionare.

San Pellegrino in Fiore quest’anno è costato all’amministrazione comunale in tutto 61mila euro.

“Abbiamo speso 10mila euro in meno rispetto agli altri anni – precisa De Carolis – poi è stata aggiunta una somma per allungare fino al 5 maggio ma non è stato così, perché diverse piazze erano vuote e allora non ho capito quali costi aggiuntivi ci siano stati.

Nelle piazze ho visto gran parte di standisti, che pagavano”.

Qualcosa va rivisto ma l’idea dell’assessore, di pagare a consuntivo, ha sollevato qualche dubbio dall’opposizione.

“Chi è che valuta – si domanda Alfonso Antoniozzi (Viterbo 2020) – chi decide se una manifestazione è piaciuta o meno? La gente? L’assessore? Una commissione?”.

Un metodo serve, mentre una certezza c’è già, trattandosi di soldi pubblici. “Intanto – fa notare Luigi Maria Buzzi (FdI) – bisogna valutare attentamente la rendicontazioni. Chi organizza porta a compimento l’iniziativa e sulle spese rendicontate l’amministrazione comunale può prestare particolare cura”.


Articoli: Se questo è San Pellegrino in fiore… – San Pellegrino in Fiore… e in erbacce


Condividi la notizia:
21 maggio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR