--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bolsena - David Fuso, a pesca con l'amico Fabrizio, racconta i drammatici momenti prima che il piccolo aereo si inabissasse - FOTO

“Li abbiamo salvati, ma poi abbiamo rischiato di finire in fondo al lago con l’idrovolante…”

Condividi la notizia:


Lago di Bolsena - Idrovolante si inabissa

Lago di Bolsena – Idrovolante si inabissa

Lago di Bolsena - Idrovolante si inabissa

Lago di Bolsena – Idrovolante si inabissa

Lago di Bolsena - Idrovolante si inabissa - L'intervento dei vigili del fuoco - Foto di Massimiliano Bellacima

Lago di Bolsena – Idrovolante si inabissa – L’intervento dei vigili del fuoco – Foto di Massimiliano Bellacima

Lago di Bolsena - Idrovolante si inabissa

Lago di Bolsena – Idrovolante si inabissa

Bolsena – Li hanno recuperati prima che l’idrovolante affondasse, capovolto e con la coda rotta. Per i due passeggeri del velivolo che, ieri mattina, sorvolava il lago di Bolsena sarebbe potuta finire peggio: sono stati soccorsi da due pescatori. Uno è David Fuso, 40 anni, viterbese, che ha assistito all’intera scena dell’idrovolante che prima è finito in acqua e poi si è inabissato

“Erano le 10,45, ero a pesca con il mio amico Fabrizio – racconta -. Abbiamo visto che, mentre atterrava, la coda dell’idrovolante si è rotta, forse dopo aver urtato delle onde alzate da una barca. Un botto assordante. C’erano solo due passeggeri a bordo, il proprietario dell’idrovolante e un suo amico, due uomini sui trent’anni”. Li hanno raggiunti con la barca: erano in acqua con i giubbini di salvataggio accanto alla cabina del piccolo aereo. Impauriti e in difficoltà. Il proprietario dell’idrovolante, contattato da Tusciaweb, non ha voluto raccontare la traumatica esperienza. 

“Abbiamo cercato di caricarli sulla nostra imbarcazione più in fretta possibile. Erano comprensibilmente agitati. Temevamo potessero avere un malore. Ma siamo riusciti a portarli sulla barca”. Salvati i passeggeri, i due pescatori, hanno cercato di recuperare anche l’idrovolante. Invano. “Lo abbiamo agganciato con delle corde alla nostra barca, ma essendo piccola e l’idrovolante pesante, rischiavamo di finire a fondo con tutto l’aereo – continua David -. Ci siamo arresi quando abbiamo iniziato a imbarcare acqua. La paura è stata tanta, non capitano tutti i giorni esperienze come queste. L’aereo avrebbe potuto incendiarsi, cosa che per fortuna non è successa. Ma abbiamo rischiato anche di essere trascinati giù, dentro l’acqua”.

Intanto la chiamata ai carabinieri e ai vigili del fuoco che, con un’imbarcazione più grande, hanno trascinato l’idrovolante a 23 metri di profondità, dove si era inabissato, a una zona del lago vicina all’isola Bisentina, a circa sette metri, mentre i pescatori tornavano a riva con i passeggeri soccorsi. Si sono procurati delle boe per delimitare il punto in cui l’idrovolante è rimasto sommerso.

Altre boe, pesi e cime, per segnalare il piccolo aereo inabissato, sono state fornite ai vigili del fuoco da Massimiliano Bellacima, istruttore di sub e titolare del servizio di navigazione pubblica Navigazione Altolazio Bolsena. Per recuperare il velivolo ci vorranno alcuni giorni.


 – Lago di Bolsena, idrovolante si inabissa con due trentenni a bordo 

Fotocronaca: Idrovolante si inabissa: salvati i passeggeri

 

 


Condividi la notizia:
7 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR