--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Silvia Somigli (Uil Scuola): "Troppo pochi rispetto alle necessità. Tredici scuole della provincia restano senza dirigente"

261 nuovi docenti a tempo intederminato nella Tuscia

Condividi la notizia:

Silvia Somigli, segretario organizzativo regionale Uil ScuolaSilvia Somigli, segretario organizzativo regionale Uil Scuola

Silvia Somigli, segretario organizzativo regionale Uil Scuola

Viterbo – (f.b.) – Saranno 261 i nuovi contratti a tempo indeterminato per i docenti della Tuscia. Troppo pochi rispetto alle necessità degli istituti secondo i sindacati.

“Partendo dai numeri nazionali – spiega Silvia Somigli, segretario organizzativo regionale Uil Scuola – è fin troppo chiara la carenza delle assunzioni da parte del Mef. Sono infatti stati assunti 53627 docenti in tutta Italia il che vuol dire circa cinquemila posti in meno di quelli richiesti dai sindacati e promessi dal premier Conte”.

Un problema non solo per il mondo dell’istruzione, ma per quello del lavoro più in generale.

“Le mancata assunzioni a tempo indeterminato – prosegue Somigli – faranno sicuramente scattare l’ennesima infrazione da parte della Commissione europea che ha già più volte intimato all’Italia di risolvere l’anno problema dei precari”.

Tornando ai numeri relativi alle scuole della Tuscia dal primo settembre ci saranno 261 nuovi contratti a tempo indeterminato così suddivisi: 15 per la scuola dell’infanzia, 21 per la primaria, 115 per la scuola di primo grado e 110 per la secondaria.

“Una buona notizia ma, ripeto, le criticità restano e sono ancora molti i buchi da riempire – aggiunge Silvia Somigli – Basti pensare che nella Tuscia ci saranno 12 scuole senza Dsga (direttore dei servizi generali e amministrativi, in pratica chi guida la segreteria) e 13 senza dirigente scolastico. Solo a Viterbo sarà senza preside l’istituto comprensivo di Grotte Santo Stefano, la Fantappiè, la Vanni, e in alcune di queste scuole mancheranno entrambe le figure: sia quella didattica che quella amministrativa”.

Mancano, inoltre, molti docenti di matematica sia per le scuole primarie di primo grado che di secondo, così come gli insegnanti di sostegno. “Per quest’ultima figura – conclude Somigli – abbiamo una carenza enorme. Da pochi giorni sono partiti i corsi del Tfa per formare le nuove figure, ma i posti messi a bando erano già in partenza inferiori a quelli che servirebbero. In ogni caso il percorso di studi non finirà prima di un anno e nel frattempo abbiamo delle realtà molto critiche cui far fronte con personale che non ha competenze specifiche”.


Condividi la notizia:
5 agosto, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR