Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Nuove scritte sono comparse sul portone e sul pavimento della chiesa

Madonna dell’Arco, oltre al sesso ora anche il “diavolo”

di Michele Mari
Condividi la notizia:

Montefiascone – Madonna dell’Arco, oltre al sesso ora anche il “diavolo”…

Dopo i preservativi lasciati nell’acquasantiera e sul portone insieme a cartacce e mozziconi di sigarette protagonisti quindici giorni fa nella piccola chiesa della Madonna dell’Arco a Montefiascone, da qualche giorno sono comparse diverse scritte di color viola sul pavimento e su uno dei portoni.

A dare il benvenuto a turisti e fedeli una spada e una croce disegnate sulla porta in legno dell’entrata di via Bixio. Nella stessa entrata, sul pavimento, sono comparse altre due scritte tra cui un “no”.  Ma non è finita qui.

Le scritte alla chiesa della Madonna dell'Arco

Procedendo all’interno della chiesetta troviamo la parola “diavolo” ben disegnata sul pavimento vicino all’altare.

Inoltre all’interno anche bottiglie, mozziconi di sigarette e segni di bisogni fisiologici. Non un bello spettacolo soprattutto perché ci troviamo all’interno di un luogo di culto. Intanto in queste settimane la chiesa della Madonna dell’Arco è stata teatro di qualsiasi tipo di vandalismi.

Le scritte alla chiesa della Madonna dell'Arco

Prima scritte e sporcizia, poi a metà del mese di febbraio vennero lasciati in terra mozziconi di sigarette, escrementi e bottiglie. 

Poi, in un fine settimana di metà marzo, venne presa d’assalto da alcuni giovani che lasciarono vomito sull’entrata, bottiglie di liquore e bicchieri dopo una notte brava.

Le scritte alla chiesa della Madonna dell'Arco

Infine il culmine dell’indecenza è stato toccato circa venti giorni quando vennero lasciati, oltre alla sporcizia e alle sigarette, due preservativi: uno dentro un’acquasantiera mentre l’altro attaccato, forse per sfregio, in una maniglia del portone di via Bixio.

Una triste storia che purtroppo continua a ripetersi quasi ogni settimana senza che nessuno, per ora, abbia provato a porre fine.

Michele Mari
 


Condividi la notizia:
6 agosto, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR