--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Particolari agghiaccianti dal comandante dei carabinieri: "L'imputata aveva macchiati sia i vestiti che le mani"

“Anziana picchiata dalla badante ubriaca, il letto della vittima era inzuppato di sangue”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

L'avvocato Fausto Barili

L’avvocato di parte civile Fausto Barili

Monterosi – Particolari agghiaccianti sono emersi durante l’udienza di ieri del processo per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate alla badante d’origine romena che il primo luglio 2015 a Monterosi, completamente ubriaca, ha picchiato a sangue nel suo letto la donna di 88 anni di cui avrebbe dovuto prendersi cura.  

Parti civili, assistiti dall’avvocato Fausto Barili, tre familiari dell’anziana, salva per miracolo anche se successivamente deceduta. Fu ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Andosilla di Civita Castellana. La badante, oggi 61enne, fu invece arrestata in flagrante e condotta nel carcere femminile di Civitavecchia. 

La poveretta all’arrivo dei soccorritori sarebbe sta sul letto con la badante che la teneva per il collo e il volto una maschera di sangue.

“Al nostro arrivo, il personale del 118 stava già caricando l’anziana sull’ambulanza. La poveretta grondava sangue dappertutto, era piena di lividi ed era completamente tumefatta sul petto”, ha detto il maresciallo Mario Della Corte, comandante della locale stazione dei carabinieri, allertato da un vicino che aveva sentito le urla disperate della novantenne costretta a letto, spiegando di averla vista insanguinata e che poteva essere stata la badante. 

“In casa, abbiamo trovato un divano letto pieno di sangue e la badante, una donna piazzata, che non presentava lesioni ma era piena di sangue, sulle mani e sugli abiti, sicuramente sangue della vittima non suo. Era completamente ubriaca, non ragionava, al punto che abbiamo avuto difficoltà a portarla via perché potesse essere subito interrogata dal pm, mentre noi sentivamo i vicini e la figlia della vittima”, ha proseguito il militare. 

“Il pestaggio è sicuramente avvenuto sul letto, che al centro era completamente inzuppato di sangue, mentre non c’erano tracce ematiche attorno al giaciglio. E poi c’era il sangue sulla badante, sia sugli abiti che sulle mani, segno che si era macchiata mentre stava picchiando l’anziana sul letto”, ha detto ancora Della Corte. 

Nella stanza cartoni di vino e bottiglie di liquore vuoti: “Nella borsa della badante abbiamo rinvenuto una bottiglia di un liquore straniero vuota, dall’odore presumibilmente vodka, dal momento che non abbiamo potuto leggere l’etichetta, essendo in un’altra lingua”, ha concluso il militare. 

L’anziana sarebbe stata colpita alla testa, al torace e alle braccia. E anche al volto, con talmente tanta violenza da perdere un dente.

Nel tempo ci sarebbero stati altri campanelli d’allarme, sottovalutati dai familiari per via delle condizioni di salute della donna. “Mia madre una volta mi ha detto che quella donna era cattiva – ha spiegato la figlia dell’anziana all’udienza del 27 giugno – ma non abbiamo dato molta importanza alla cosa per via delle sue condizioni, dato che soffriva di demenza senile”. Almeno altri due gli episodi in cui la donna era stata trovata dai famigliari piena di lividi e con viso tumefatto, ma la badante replicava sempre allo stesso modo affermando che l’anziana cadeva nei vari tentativi di muoversi o alzarsi da sola. 

Giunto ormai al rush finale, il processo riprenderà il 30 gennaio, quando sono previste discussione e sentenza. Il difensore dell’imputata non è mai comparso in aula, sostituito ogni volta da avvocati d’ufficio nominato lì per lì dal giudice. 

Silvana Cortignani


Articoli: “Mamma era sul letto con la badante ubriaca che la prendeva per il collo” – Anziana massacrata di botte, rischia fino a 7 anni la badante – Anziana massacrata dalla badante, gli eredi parte civile – Picchiata per ore dalla badante – Badante ubriaca massacra anziana

 


Condividi la notizia:
13 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR