--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Madrid - Per l'ex presidente Carles Puigdemont è stato emesso un nuovo mandato di cattura internazionale

Corte suprema spagnola, condannati 12 leader indipendentisti catalani

Condividi la notizia:

Carles Puigdemont

Carles Puigdemont

Madrid – Corte suprema spagnola, condannati 12 leader indipendentisti catalani.

Il Tribunale supremo, con sede a Madrid, ha reso pubblica la sentenza del processo contro i 12 leader indipendentisti catalani. Tutti sono accusati di di ‘sedizione’ e ‘appropriazione indebita’ nell’ambito dei fatti che portarono alla dichiarazione unilaterale d’indipendenza della Catalogna, nell’ottobre 2017.

Le condanne vanno dai 9 ai 13 anni. A scriverlo sono i media media spagnoli e internazionali, fra cui El Pais.

Nessuno è stato condannato per ‘ ribellione’, reato per il quale l’accusa aveva chiesto 25 anni.

In assenza dell’ex presidente Carles Puigdemont, che ha cercato rifugio in Belgio, la condanna più dura è per il suo vice, Oriol Junqueras. Dovrà scontare 13 anni nella prigione catalana di Lledoners, dove si trova già da due. Per Carles Puigdemont è stato emesso un nuovo mandato di cattura internazionale.

Poi le altre condanne. 12 anni per gli ex assessori Jordi Turull, Raül Romeva e Dolors Bassa. 11 e mezzo per l’ex presidente del parlament, Carme Forcadell. 10 anni e mezzo per gli altri assessori Josep Rull e Joaquim Forn e 9 anni per Jordi Sànchez e Jordi Cuixart. 

Gli altri tre imputati, a piede libero, Carles Mundó, Meritxell Borràs, Santi Vila, sono stati condannati a delle ‘ammende’. 

“Non ci fermeranno – ha detto il leader catalano Carles Puigdemont in diretta Facebook da Waterloo – finché non annulleremo tutti gli effetti della repressione e respireremo la libertà”.

“Non c’è altra via – ha aggiunto – che un nuovo referendum nel quale possiamo dire ciò che vogliamo e come lo vogliamo. Devono sapere che non accettiamo una soluzione basata su repressione e condanne”. 


Condividi la notizia:
14 ottobre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR