Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Ieri il rinvio a giudizio - A febbraio il processo

Picchia la moglie e le provoca tre aborti, alla sbarra per “interruzione di gravidanza”

Condividi la notizia:

Il sostituto procuratore Chiara Capezzuto

Il pm Chiara Capezzuto

L'avvocato Marco Valerio Mazzatosta

L’avvocato di parte civile Marco Valerio Mazzatosta

Viterbo - Giuliano Migliorati

Il difensore Giuliano Migliorati

Viterbo – (sil.co.) – Picchia la moglie e le provoca tre aborti, alla sbarra per maltrattamenti in famiglia e “interruzione di gravidanza”.

E’ stato rinviato a giudizio ieri anche per aborto colposo dal gup Savina Poli, su richiesta della pm Chiara Capezzuto, un uomo originario dell’est europeo, residente con la moglie e una bambina di pochi anni in un centro della provincia all’epoca dei fatti. 

L’imputato, per il quale il processo inizierà il 18 febbraio davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei, è difeso dall’avvocato Giuliano Migliorati. Parte civile, assistita dall’avvocato Marco Valerio Mazzatosta, la vittima, già madre di una minore quando in  casa si sarebbe scatenato l’inferno.

Un’escalation di violenza a partire dal 2011, per cui l’imputato – nel frattempo sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento già dalle indagini preliminari – sarà processato anche per maltrattamenti in famiglia. Il processo sarà però celebrato davanti al collegio per la gravità dell’altro reato che gli è stato contestato, l’interruzione colposa di gravidanza o aborto colposo, una fattispecie rara nei tribunali, prevista all’articolo 593 ter del codice penale per “chiunque cagiona l’interruzione della gravidanza senza il consenso della donna”. 

L’articolo 593 ter disciplina l’interruzione non consensuale di gravidanza, nell’ambito sia della tutela del feto che della salute della madre: “Si considera come non prestato il consenso estorto con violenza o minaccia ovvero carpito con l’inganno. La stessa pena si applica a chiunque provochi l’interruzione della gravidanza con azioni dirette a provocare lesioni alla donna”. 


Condividi la notizia:
24 dicembre, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR