--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orte - Il sindaco Angelo Giuliani: "Tra autostrada e stazione passano di qui migliaia di turisti, non è tenendo dentro casa due o tre famiglie che risolviamo il problema"

“Da noi 15 pullman di cinesi al giorno, aspettiamo istruzioni dalle autorità”

di Alessandro Castellani

Condividi la notizia:

Angelo Giuliani

Angelo Giuliani

Orte – “Sul nostro territorio abbiamo un ristorante cinese che ferma 15 pullman di turisti al giorno, oltre a una stazione sempre piena di gente. Stiamo seguendo con estrema attenzione gli sviluppi della vicenda coronavirus, ma ancora non abbiamo ricevuto istruzioni dalle autorità”. Lo dice il sindaco di Orte, Angelo Giuliani, che segnala la particolare sensibilità del suo comune a un’eventuale diffusione del virus cinese.

“Il vero problema di Orte – dice Giuliani – non è la presenza di qualche famiglia di residenti, ma l’incredibile afflusso di persone, turisti e non, che frequentano ogni giorno i nostri punti di snodo viari”.

Il riferimento, spiega il sindaco, non è solo alla stazione ferroviaria, che “accoglie una mole enorme e incontrollabile di persone”, ma anche e soprattutto al “ristorante di fronte al casello autostradale, dove quotidianamente si fermano a mangiare decine di pullman di cinesi”. 

“Date queste condizioni di partenza, è chiaro che a Orte l’approccio deve essere diverso che altrove” aggiunge Giuliani. Che poi fa sapere di essersi già attivato “in via informale con l’assessorato alla Sanità regionale e col ministero della Salute per sapere se bisogna attivare delle procedure specifiche.”

Per quanto riguarda le numerose attività commerciali gestite da cinesi presenti sul territorio comunale, il sindaco assicura che al momento non si è registrata alcuna anomalia. “Certo – precisa Giuliani – fino a quando non arriveranno disposizioni precise dalle autorità competenti, noi non possiamo fare altro che aspettare. Al momento la situazione mi sembra molto confusa, ma di sicuro non è tenendo chiuse in casa due o tre famiglie che possiamo dirci al sicuro”.

Alessandro Castellani

 


Condividi la notizia:
3 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR