--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Cruciani apre la trasmissione con Tusciaweb, il video del sindaco di Capodimonte e Sgarbi

De Rossi sul “cane che caca” e gli zero contagi di Sutri aprono la Zanzara

Condividi la notizia:



Il sindaco di Capodimonte Antonio De Rossi durante la diretta Facebook

Il sindaco di Capodimonte Antonio De Rossi durante la diretta Facebook

Viterbo – La Tuscia e Tusciaweb alla Zanzara.

La diretta Facebook senza freni del sindaco di Capodimonte Antonio De Rossi finisce sul programma di Radio24 condotto da Giuseppe Cruciani. Non solo, attenzione anche sugli zero contagi al Covid-19 nella Sutri di Sgarbi. Un’esilarante puntata tra “merda” e “bucio di culo”.

Ma veniamo a Capodimonte. “Un sindaco – dice Cruciani – che si chiama De Rossi, di questa ridente cittadina nel Viterbse, Capodimonte, si preoccupa di che cosa… Il video era stato diffuso privatamente dal sindaco, dice lui, raccolto da Tusciaweb e in questo modo diffuso urbi et orbi.

Il sindaco di Capodimonte ha questa preoccupazione: la merda dei cani. La merda depositata dai cani per strada. Le priorità.

Ora io dico ragazzi, va bene tutto, va bene che uno porta il cane fuori e non dovrebbe lasciare la merda in giro. Però in questa fase qui, dove pensiamo alla ‘cadrega’ che, in questo caso, significa vita, non al posto di lavoro, anche a quello naturalmente, ma soprattutto all’esistenza e alla sopravvivenza, uno si interessa alla merda…

Io non lo farei mai. Sono degli incivili, ma un sindaco non è che s’incazza: manda la nettezza urbana, o quella che cazzo è, a pulire e non rompe i coglioni. Va tutto bene sindaco, bisogna mantenere la civiltà, non bisogna far cagare i cani in giro. Però adesso calma. Mi incazzerei per qualcosa di diverso, mi incazzo con l’Inps, con la burocrazia…”.

Poi si passa a Sutri. “Ragazzi – continua – poi voglio segnalarvi… Nonostante Sgarbi, a Sutri zero contagi. È una delle poche città italiane, uno dei pochi paesi…

Poi lui dice: ‘La providenza e la natura hanno difeso Sutri’. Ma non è la provvidenza o la natura, Vittorio. Io to adoro e ti abbraccio fortissimo, ma non è la natura. È il buco di culo, nella smorfia il 23, l’unica spiegazione. Evidentemente, nel movimento generale delle persone, Sutri è rimasta illesa, illibata e protetta. La divina provvidenza non c’entra un cazzo, è il buco di culo”.


– Antonio De Rossi: “Il cane caca e allora dovete raccoglie la merda…”


Condividi la notizia:
3 aprile, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR