Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Geotermia - Viterbo - Due lettere al presidente Conte, al capo della protezione civile Borrelli e ad altre autorità, per sottolineare i rischi connessi allo sfruttamento del sottosuolo a scopo energetico

Il grido d’aiuto dei sindaci: “Temiamo un terremoto distruttivo”

di Stefania Moretti

Condividi la notizia:

La città di Bolsena

La città di Bolsena

Viterbo – Due lettere che sono un grido d’aiuto. Undici pagine indirizzate, tra gli altri, a presidente del Consiglio, ministri, regione Lazio e protezione civile, sintetizzabili in una parola sola: “Proteggeteci”. 

Lo chiedono 29 sindaci tra la bassa Umbria e l’alto Lazio. 26 sono viterbesi. 

Il nord della provincia, in quest’ultima settimana, è stato interessato da una serie di scosse sismiche. Decine e decine. Almeno 80, ma quasi certamente anche di più, considerando che se ne sono contate 30 solo tra la mezzanotte e le 18,48 del 16 maggio.  

La zona dove si avvertono le scosse coincide con quella dove potrebbero sorgere impianti geotermici in futuro. Cioè impianti per la produzione di energia che sfruttano fonti di calore nel sottosuolo. È il distretto vulcanico Vulsino, che include buona parte dell’hinterland del lago di Bolsena, allungandosi a nord fino a Orvieto e alla parte meridionale della Toscana e a sud fino a Tarquinia.

Un’area di per se sismicamente attiva, interessata, nel tempo, da terremoti di magnitudo anche superiori a 5,5 gradi della scala Richter. Dal sisma di Bagnoregio, che distrusse l’antico insediamento di Civita e provocò onde alte anche 4 metri nel lago, fino al terremoto di Tuscania del ’71: bilancio di almeno trenta morti. 

Sul territorio “sussistono vari titoli minerari per lo sfruttamento della risorsa geotermica”, scrivono i sindaci con preoccupazione. Significa che ci sono 18 diverse richieste di sfruttamento geotermico dell’area, alcune più avanti di altre, a livello di autorizzazioni. Ogni richiesta interesserebbe più paesi del distretto, arrivando a una copertura della quale si può avere un’idea più precisa osservando queste mappe. 


L’area interessata dalle richieste di sfruttamento geotermico – Fonte: Slide elaborate dall’associazione Bleu (Bolsena lago d’Europa) all’auditorium di Bolsena all’incontro riservato ai sindaci il 7 dicembre 2019 – Clicca sulle immagini per ingrandire

Viterbo - Le richieste per attivare impianti geotermici sul territorio provinciale


Viterbo - Le richieste per attivare impianti geotermici sul territorio provinciale


Viterbo - Le richieste per attivare impianti geotermici sul territorio provinciale

“Una vasta letteratura – scrivono i sindaci – ha evidenziato i rischi associati ad attività di esplorazione, trivellazione, estrazione e reiniezione di fluidi in sistemi idrotermali, che presentano analogie con le criticità del territorio in oggetto. I recenti casi di sismicità indotta o innescata, registrati a livello mondiale, a seguito delle attività sopra elencate, hanno ulteriormente confermato le evidenze messe in luce dalla suddetta letteratura”.

I 29 primi cittadini portano l’esempio di un paio di progetti di centrali geotermiche in provincia di Napoli, “ritirati e rigettati a seguito dei rischi connessi per le comunità e per l’ambiente, soprattutto in termini di sismicità indotta e innescata. Si trattava di sismicità di una magnitudo potenziale inferiore a quella cui sarebbe esposto il distretto vulcanico Vulsino”.

Il timore è quello di terremoti ben più intensi delle scosse di queste ore. Per questo i sindaci dei paesi intorno al lago di Bolsena, a partire dall’autunno 2019, hanno iniziato a organizzare una serie di incontri e conferenze sulla geotermia. A Conte, Borrelli e a un lungo elenco di istituzioni pubbliche scrivono come primi responsabili della sicurezza: “I sindaci scriventi sono tenuti a prendere tutte le misure, oltre a preservare l’incolumità dei cittadini, anche i loro beni materiali, entrambi messi a rischio da eventuali eventi sismici disastrosi”.

Tra i loro compiti rientra anche quello di “riportare immediatamente i rischi di grado C (nazionale) all’attenzione degli enti preposti. Nel caso specifico quello del rischio di innesco sismico di tipo transregionale con magnitudo rilevante e potenzialmente distruttiva che incomberebbe sul distretto vulcanico Vulsino in conseguenza di attività di ricerca e sfruttamento della risorsa geotermica”. In poche parole: se succede qualcosa di grave, vi avevamo avvertiti. 

La richiesta finale è quella di “mettere in atto ogni possibile intervento di prevenzione dei rischi e dei pericoli al fine della tutela, della sicurezza e dell’incolumità della comunità e dei territori da noi amministrati”. Ovvero: aiuto. 

Stefania Moretti


Documenti: Il testo delle due lettere inviate dai sindaci


Gli amministratori che hanno firmato le lettere

  1. Andrea Garbini, sindaco di Castel Giorgio (Terni)
  2. Daniele Longaroni, sindaco di Castel Viscardo (Terni)
  3. Sauro Basili, sindaco di Allerona
  4. Giovanni Arena, sindaco di Viterbo
  5. Paolo Dottarelli, sindaco di Bolsena
  6. Massimo Bambini, sindaco di San Lorenzo Nuovo
  7. Francesco Di Biagi, sindaco di Latera
  8. Roseo Melaragni, sindaco di Piansano
  9. Edoardo Giustiniani, sindaco di Cellere
  10. Giuseppe Ciucci, sindaco di Farnese
  11. Ermanno Nicolai, sindaco di Tessennano
  12. Stefano Bigiotti, sindaco di Valentano 
  13. Maurizio Lacchini, sindaco di Marta
  14. Lina Novelli, sindaco di Canino
  15. Maurizio Testa, sindaco di Monte Romano
  16. Marco Bianchi, sindaco di Celleno
  17. Giuseppe Mottura, sindaco di Civitella d’Agliano
  18. Piero Rossi, sindaco di Graffignano
  19. Salvatore Serra, sindaco di Ischia di Castro 
  20. Piero Camilli, sindaco di Grotte di Castro 
  21. Angelo Ghinassi, sindaco di Acquapendente
  22. Massimo Paolini, sindaco di Montefiascone
  23. Cinzia Pellegrini, sindaco di Proceno
  24. Carlo Benedettucci, vicesindaco di Gradoli
  25. Publio Cascianelli, sindaco di Arlena di Castro 
  26. Antonio De Rossi, sindaco di Capodimonte
  27. Luca Profili, sindaco di Bagnoregio
  28. Giovanni Giuliani, sindaco di Onano
  29. Fabio Bartolacci, sindaco di Tuscania

Condividi la notizia:
17 maggio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR