Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Intervista ad Antonio Ingroia, avvocato della famiglia dell'urologo di Belcolle, dopo l'assoluzione della donna accusata di cessione di eroina

“Attilio Manca è morto per mafia, la giustizia chieda scusa e si riaprano le indagini”

di Raffaele Strocchia

Condividi la notizia:

Viterbo – Riprende quota il giallo di Attilio Manca, l’urologo dell’ospedale di Viterbo che 17 anni fa è stato trovato morto nel suo appartamento alla Grotticella. Un “omicidio di mafia” per la famiglia, secondo la quale il medico sarebbe stato ucciso dopo aver operato il boss latitante Bernardo Provenzano. Una “tragedia di droga”, invece, per il tribunale di Viterbo che nel 2017 ha condannato Monica Milati per aver ceduto a Manca l’eroina letale. Martedì, però, la corte d’appello di Roma ha ribaltato il verdetto: la donna è stata assolta perché “il fatto non sussiste”.


Antonio Ingroia

Antonio Ingroia


Avvocato Antonio Ingroia, da anni rappresenta la famiglia Manca. Si aspettava quest’esito della sentenza di secondo grado?
“Chi ha fiducia nella giustizia si aspetta sempre l’affermazione della verità. Anche se le speranze stavano iniziando a estinguersi perché in questi anni sono state diverse le docce fredde arrivate dagli uffici giudiziari di Viterbo e Roma: tribunale, procura, procura distrettuale e procura nazionale antimafia. Questa sentenza d’appello, però, rinsalda la fiducia nella giustizia e fa piazza pulita di una versione che secondo noi è sempre stata capovolta rispetto alla realtà e alla verità dei fatti. Ora si azzera tutto e possiamo ricominciare”.

Da dove?
“Per recuperare il tempo perduto, si potrebbe partire da ciò che la famiglia Manca ha più volte chiesto: la riesumazione della salma di Attilio. Oggi la tecnologia consentirebbe una serie di accertamenti scientifici per verificare le reali cause del decesso. Finalmente ci sono tutti i presupposti per un’indagine seria sul delitto e per fare tutto ciò che non è mai stato fatto”.

Monica Mileti è stata assolta perché “il fatto non sussiste”. Cosa significa? E cosa rappresenta questo verdetto?
“Significa che non esiste che Mileti ha ceduto l’eroina ad Attilio Manca. Di conseguenza cade l’unico pilastro della vicenda, che in realtà era solo un teorema accusatorio. Noi abbiamo sempre sollevato tanti dubbi: sull’autopsia, sugli accertamenti medico-legali fatti al tempo, sull’esame della scena del delitto. Ci sono stati certamente dei depistaggi. La sentenza d’appello ci dà ragione e da qui dobbiamo ripartire”.

A chi vi rivolgerete?
“Bisognerebbe incominciare ancora una volta dalla procura di Viterbo, che è territorialmente competente. Ma siccome noi sosteniamo che nel delitto ci sia stata la mano della mafia, ci sarebbe pure la competenza della procura distrettuale antimafia di Roma. Secondo me ci sono tutti i presupposti per un’istanza a doppio indirizzo. Inoltre, per le implicazioni e i collegamenti con la latitanza di Provenzano e con la trattativa stato-mafia, investiremo della vicenda anche il procuratore nazionale antimafia e la commissione antimafia”.


Attilio Manca

Attilio Manca


E non sarebbe la prima volta… Ma finora non ci sono stati esiti a vostro favore. Crede che dopo la sentenza di secondo grado qualcosa possa cambiare?
“Assolutamente sì, perché le nostre istanze sono state rigettate usando sempre Monica Mileti come giustificazione: prima il procedimento penale, poi il rinvio a giudizio e infine la condanna di primo grado. Ora, con l’assoluzione in appello, nessuno potrà più dire che la verità del caso Manca sia stata accertata nel processo contro Mileti. Anzi, saremo noi a dire che ciò che è stato sostenuto fino ad oggi in realtà non è mai successo. La giustizia faccia ammenda. Le istituzioni giudiziarie chiedano scusa alla famiglia Manca, facciano un passo indietro e cerchino di riparare seppur tardivamente a un ritardo che comunque resterà imperdonabile”.

L’avvocato di Mileti all’agenzia di stampa Agi ha dichiarato: “La procura di Viterbo mi aveva detto: ‘Falla confessare perché poi noi lo qualifichiamo quinto comma e il quinto comma si prescrive a breve’. Senonché io l’ho spiegato alla mia assistita e lei mi ha detto: ‘Ma io posso confessare una cosa che non ho fatto?!'”. Che ne pensa?
“È un fatto gravissimo, che il collega mi ha riferito anche personalmente. Ci sono i presupposti per una denuncia sia al Consiglio superiore della magistratura che alla procura di Perugia, perché atteggiamenti del genere sono al limite dell’inquinamento probatorio. Si è tentato di convincere una innocente ad accusarsi di un reato mai commesso, pur di mettere un coperchio su questa ‘pentola’ che scotta. Ma ora il coperchio è saltato e la verità sta venendo a galla. Ed è il momento di farla venire fuori tutta”.

Ha parlato di denunce. Le farà la famiglia Manca? Se sì, nei confronti di chi?
“Faremo una segnalazione, che a mio parere sarà sufficiente ad aprire un procedimento penale e disciplinare. Sarà contro ignoti. Poi toccherà agli organi preposti approfondire e verificare cosa è realmente accaduto, accertare eventuali responsabilità e applicare le conseguenti sanzioni”.

Ce l’ha con qualcuno per tutti questi anni di “Caso Manca”?
“Con qualcuno in particolare, no. Con tanti, sì. In tanti avevano il dovere di approfondire ma non l’hanno fatto, a partire dai pm titolari dell’indagine all’origine. Tanti sono venuti dopo e avrebbero potuto sopperire alle mancanze, inerzie e sottovalutazioni per scoprire i depistaggi. Ma per un’inammissibile e inaccettabile pigrizia, inerzia e indolenza non hanno fatto ciò che avrebbero dovuto fare: riparare agli errori commessi da chi li aveva preceduti”.

Raffaele Strocchia


 – Caso Manca, assolta in appello Monica Mileti


Condividi la notizia:
18 febbraio, 2021

Caso Manca ... Gli articoli

  1. Caso Manca, assolta in appello Monica Mileti
  2. La famiglia Manca: "Siamo certi che Attilio è stato ucciso"
  3. "Caso Manca, le indagini sono tutte da rifare"
  4. Caso Manca, petizione per riesumazione cadavere
  5. Anche il tribunale di Roma archivia il caso Manca: "Non fu omicidio di mafia"
  6. "Riesumate il cadavere di Attilio Manca"
  7. Gli ultimi giorni di Manca e l'ora della morte
  8. "Nessun rapporto tra Provenzano e Manca"
  9. "Il naso deviato? Solo un effetto ottico..."
  10. "Caso Manca, nessun elemento per avvalorare la tesi della famiglia"
  11. "Omicidio Manca, pentiti non credibili e versioni contrastanti"
  12. "Mileti condannata senza prove..."
  13. Monica Mileti alle Iene: "Io capro espiatorio"
  14. Blitz delle Iene a Viterbo per intervistare l'ex magistrato Renzo Petroselli
  15. "Attilio Manca vittima di mafia, ma lo Stato non vuole ammetterlo"
  16. "Manca si drogava da anni e Mileti era la sua spacciatrice"
  17. "Caso Manca, anche la procura di Roma chiederà l'archiviazione"
  18. "Provenzano a Viterbo dopo l'operazione alla prostata"
  19. No all'archiviazione, firma anche Fiorella Mannoia
  20. Monica Mileti: "Sono innocente"
  21. "Attilio ucciso per la seconda volta"
  22. "Non si è fatta giustizia"
  23. Caso Manca, 5 anni e 4 mesi a Monica Mileti
  24. Caso Manca, la procura chiede 4 anni e mezzo
  25. Caso Manca, è il giorno della sentenza
  26. "Caso Manca, la procura di Roma indaga per omicidio"
  27. "Ecco perché fu ucciso da un mix di droga, alcol e medicinali"
  28. "Nessun segno di violenza sul corpo di Attilio"
  29. "Tra Attilio e Monique un fitto scambio di telefonate..."
  30. La scientifica: "Non abbiamo trovato impronte in casa di Attilio"
  31. "Ho visto Attilio iniettarsi eroina"
  32. L'ultimo sms di Mileti a Manca: "Che hai combinato?"
  33. "Attilio faceva uso di eroina"
  34. "Dopo Attilio vogliono uccidere anche noi"
  35. "Dalla procura di Viterbo non mi aspetto più nulla..."
  36. "Suicidate Attilio Manca", la presentazione alla Camera
  37. "Non ci sono giudici solo a Berlino, ma anche a Viterbo..."
  38. Calunnia, prosciolto Antonio Ingroia
  39. Calunnia, Ingroia davanti al gup
  40. Caso Manca, niente proscioglimento per l'imputata
  41. Caso Manca, processo di giudice in giudice
  42. "Attilio ucciso da un ufficiale dei servizi"
  43. Chiesto il rinvio a giudizio per Antonio Ingroia
  44. "Tracce infinitesimali sulle siringhe"
  45. "Caso Manca, è il momento di fare chiarezza"
  46. "Abbiamo fornito nuovi chiarimenti sulle indagini"
  47. "Pignatone aperto e disposto ad andare fino in fondo"
  48. Caso Manca, Ingroia a Pignatone: "E' stato omicidio di mafia"
  49. Pazienti e Petroselli in commissione antimafia
  50. Calunnia, indagine su Ingroia in dirittura d'arrivo
  51. Caso Manca, rinviata l'audizione dei magistrati
  52. "Inchiesta gestita con eccessiva sufficienza"
  53. "Vicenda che ha bisogno di punti fermi"
  54. "Due spinelli al liceo non fanno di Attilio un drogato"
  55. "La madre di Manca sapeva che il figlio si drogava"
  56. Magistrati viterbesi in commissione antimafia
  57. "Ha ritrattato perché la moglie vuole restare a Casal di Principe"
  58. Magistrati in commissione antimafia il 17 dicembre
  59. Caso Manca, interrogazione bis dei senatori 5 Stelle
  60. "Non ho capito perché sono stato convocato..."
  61. "Cercassero gli assassini di Manca"
  62. "Una vicenda sempre più sbalorditiva"
  63. Ingroia indagato per calunnia
  64. Pazienti e Petroselli davanti alla commissione antimafia
  65. Il caso Manca in commissione antimafia
  66. "Setola non avrebbe mai potuto essere sentito a Viterbo"
  67. "Nessuna intenzione di accertare la verità"
  68. Parte civile fuori dal processo Manca
  69. Caso Manca, la Dda apre un fascicolo
  70. "Se è un omicidio di mafia non è competente Viterbo"
  71. "Un'opportunità importante per riaprire le indagini"
  72. I familiari di Manca: "Siamo fiduciosi"
  73. Il caso Manca potrebbe essere riaperto
  74. Salta il processo Manca
  75. Caso Manca, inizia il processo
  76. "Non c'è traccia di Manca nell'operazione a Provenzano"
  77. Una manifestazione per ricordare Attilio Manca
  78. Servizio Pubblico - Le immagini di Attilio Manca morto
  79. "Cose inenarrabili accadute in questo palazzo di giustizia..."
  80. Caso Manca, rinviata a giudizio l'unica indagata
  81. "Indagini-farsa, il pm accusa mio figlio"
  82. "L'importante è che si arrivi a un processo"
  83. Caso Manca, chiesto il rinvio a giudizio per spaccio
  84. "Ci costituiremo parte civile"
  85. "Prove manomesse e falsificate"
  86. Ingroia: "Coinvolgeremo la Procura nazionale antimafia"
  87. Caso Manca, udienza ad alto rischio
  88. Un omicidio di stampo mafioso, un'inchiesta sciatta e superficiale
  89. Manca non era in ospedale
  90. "Provenzano accennò a mio padre di un giovane medico..."
  91. Caso Manca, il 13 gennaio l'udienza preliminare
  92. Antonio Ingroia avvocato della famiglia Manca
  93. Caso Manca, chiesta ispezione in tribunale
  94. Caso Manca, solo "illazioni e congetture"
  95. "Dieci anni di domande senza risposte"
  96. Sonia Alfano: "Inchiesta gestita in modo vergognoso"
  97. Salvatore Borsellino: "Giustizia negata"
  98. "Un altro piccolo grande mistero italiano"
  99. "Caso Manca, se ne occupi la Procura nazionale antimafia"
  100. "Mio figlio è morto per volontà del capo della mafia Provenzano"
  101. "Vogliamo la riapertura del caso"
  102. Chiuso il caso Manca
  103. Consulenze sulle siringhe e sull'impronta nel bagno
  104. "Chiederemo di acquisire i video della conferenza in procura"
  105. Caso Manca, a ottobre l'udienza
  106. Richieste di archiviazione, i Manca si oppongono
  107. Chi dice che Attilio si drogava?
  108. Caso Manca, Lumia interroga il ministro della Giustizia
  109. "Pronti a opporci alle richieste di archiviazione"
  110. "Una delle pagine più tristi della giustizia italiana"
  111. "La Procura inerte sulla pista Provenzano"
  112. "Non è un omicidio di mafia, è una disgrazia di droga"
  113. Caso Manca, cinque richieste di archiviazione
  114. Caso Manca, chiuse le indagini
  115. Fattorini a Chi l'ha visto: "Manca non si drogava"
  116. Provenzano si nascondeva nell'Alto Lazio
  117. Manca, il fratello: "Indagini blande e superficiali"
  118. "Per noi è un successo, andiamo avanti"
  119. Manca non si è suicidato
  120. Manca, non è stato omicidio di mafia
  121. Il libro su Attilio Manca a Napolitano
  122. "Metta fine a questa logorante attesa"
  123. Fumogeno nel giardino dei Manca
  124. La morte di Attilio non merita l'archiviazione
  125. "Sento che la decisione è vicina..."
  126. "Attilio, ucciso nel più barbaro dei modi"
  127. La madre di Manca: "Vogliono ucciderci"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR