--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Casa dolce casa - Il sindaco di Capranica stupefatto per l'arresto dell'assessore comunale - Il direttore dell'Ater Ugo Gigli: "Aspettiamo il corso della giustizia"

Oroni: “Iezzi? Una persona di alta levatura morale”

Condividi la notizia:

Paolo Oroni sindaco di Capranica

Ugo Gigli

Ugo Gigli

Antonio Iezzi

– Oroni: “Siamo increduli”.

Il sindaco di Capranica cade dalle nuvole dopo la notizia dell’arresto di Antonio Iezzi, assessore comunale e dipendente dell’Ater finito in manette, ieri 18 aprile, nell’ambito dell’operazione congiunta di carabinieri e finanza denominata Casa dolce casa. (video *fotocronaca)

Il blitz avrebbe permesso di smascherane un gruppo di persone, accusate di aver fatto occupare case popolari a chi era disposto a sborsare denaro.

La vicenda ha sbalordito Oroni. “Per noi è un grande sconcerto – afferma il primo cittadino -. L’arresto ci ha lasciato increduli. Conosco l’assessore Iezzi e per me è una persona di alta levatura morale. Lo ha sempre dimostrato: ne ha fatto quasi una battaglia personale.

Aspettiamo di vedere se con l’interrogatorio di garanzia emergeranno dati fondati da parte delle forze dell’ordine e della magistratura. Non posso dire di più perché non ho elementi sufficienti”.

Iezzi è assessore alla Programmazione al comune. Sul suo futuro, Oroni non ha dubbi. “Viviamo in uno Stato di diritto e fino a prova contraria manteniamo la fiducia all’assessore – conclude Oroni -. Se poi lui farà scelte personali diverse, non lo so. Siamo in attesa di verifiche”.

Non si scuce il direttore dell’Ater Ugo Gigli. “Aspetto che i giudici che fanno questo mestiere e nei quali ho totale fiducia, ci facciano sapere come stanno le cose. Tutto qui”.

Nell’operazione sono finiti in manette, oltre a Iezzi, anche il sindacalista Ugo Vizzini, 60enne di Viterbo e il 23enne Cesare Cataldi.



Condividi la notizia:
19 aprile, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR