--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operazione Drago - 40 arresti per droga, usura, estorsione, furto, rapina, sequestro di persona e anche abusi sessuali per costringere una donna a prostituirsi

Lui la violentava e lei guardava

Condividi la notizia:

Gli arrestati
Clicca sulle foto per ingrandire

Gli arrestati

Gli arrestati
Gli arrestati
Gli arrestati
Gli arrestati

Il maresciallo Lonero, il capitano Gesmundo e il capitano Martufi

Il maresciallo Lonero, il capitano Gesmundo e il capitano Martufi

Il capitano Giovanni Martufi, comandante del nucleo investigativo

Il capitano Giovanni Martufi, comandante del nucleo investigativo

Il capitano Raffaele Gesmundo, comandante della compagnia di Viterbo

Il capitano Raffaele Gesmundo, comandante della compagnia di Viterbo

Il maresciallo Paolo Lonero, comandate della stazione di Soriano nel Cimino

Il maresciallo Paolo Lonero, comandate della stazione di Soriano nel Cimino

I proiettili

I proiettili

Le sostanze dopanti

Le sostanze dopanti

Le sostanze dopanti
Le sostanze dopanti

La droga

La droga

Un bilancino di precisione

Un bilancino di precisione

Alcuni assegni sequestrati

Alcuni assegni sequestrati

– Violentata sotto gli occhi di un’altra donna, la compagna dell’uomo che abusava di lei.

E’ una scena da brividi quella descritta dai carabinieri che hanno condotto l’operazione Drago (fotocronaca*video): 40 arresti per traffico di droga e anabolizzanti, furti, usura, estorsione, rapina, sequestro di persona e violenza sessuale.

L’ultima accusa ricade su D.B., 42enne di Soriano nel Cimino, disoccupato e pregiudicato, finito anche lui in manette nel blitz di questa mattina, insieme al fratello minore tatuatore M.B.. Per gli investigatori sono i due sorianesi il perno del sodalizio smantellato dall’operazione di stamattina, a coronamento di un anno di indagini.

D.B., in particolare, avrebbe avviato al mercato della prostituzione una donna romena di circa quarant’anni. I proventi sarebbero stati spartiti tra lui e la sua fidanzata, anche lei di nazionalità romena e anche lei arrestata in mattinata.

Lo sfruttamento della prostituzione sarebbe stato un business collaterale allo spaccio di droga. Un’attività secondaria che, secondo le indagini, doveva garantire entrate extra per comprare stupefacenti. Soprattutto cocaina.

Per questo il 42enne sorianese, con la complicità della sua fidanzata, avrebbe assoggettato la donna all’inizio dell’estate 2011. Adescata prima con la prospettiva di un guadagno facile – mai arrivato perché i proventi erano spartiti tra la coppia – e poi costretta con le maniere forti, quando rifiutò di vendersi per finanziare i loro traffici.

A quel punto, sempre durante l’estate dell’anno scorso, D.B. l’avrebbe pestata e violentata davanti alla sua donna.

Per due mesi la vittima avrebbe battuto le strade tra Viterbo, Orte, Soriano e Roma, zona Flaminia. Poi ha sporto denuncia dai carabinieri di Soriano, che hanno seguito l’intera indagine insieme agli uomini del Nucleo operativo viterbese, inizialmente coordinato dal capitano Giovanni Martufi, oggi comandante del Nucleo investigativo. “Lui e la sua donna le dicevano addirittura come doveva vestirsi e atteggiarsi – ha spiegato Martufi durante la conferenza indetta per illustrare i dettagli del blitz -. Erano loro a imporle i prezzi delle singole prestazioni sessuali ed erano loro a incassare. La donna lavorava praticamente gratis. Quasi come una schiava”.

D.B., attualmente, è in carcere a Mammagialla insieme al fratello e ad altre 28 persone. Dieci sono ai domiciliari. Ma l’indagine è ancora aperta, per scovare eventuali complici della attività illecite stroncate dai militari.


Condividi la notizia:
28 maggio, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR