Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Centrosinistra - Pd - Il segretario del Pd, Andrea Egidi, non risponde a dieci domande di Tusciaweb e allora noi le pubblichiamo ugualmente

Io so’ io e voi non siete un c…

di Miyamoto Musashi

Condividi la notizia:

Leonardo Michelini con Egidi, Bianchi e Zingaretti durante la campagna elettorale

Il segretario del Pd Egidi

– Andrea Egidi tace. Per due giorni Tusciaweb ha chiesto udienza al megasegretario provinciale del Pd. Ma lui tace. Dopo che il suo vicesegretario Dinelli e un ex vicesegretario e membro della direzione del Pd Arcangeli hanno sparato sul quartier generale, Egidi tace.

Per due giorni, lo ammetto, non ho dormito al solo pensiero che l’arcisegretario del Pd non vuole rispondere alle domande di Tusciaweb. La disperazione sembra si sia diffusa in buona parte della popolazione della Tuscia. Ma Egidi ha deciso: tace. Un pezzo del suo partito ne ha chiesto le dimissioni, magari proforma. Ma lui tace. “Non entro nella polemica sul mio partito”, sembra abbia bofonchiato mezzo assonnato.

Del cattivo risultato elettorale del partito da lui guidato, secondo quanto dicono alcuni esponenti del Pd, non vuol parlare. E dire che una volta nei partiti di sinistra l’analisi del voto era un’arte che si tramandava da dirigente a dirigente.

La sensazione è che il galattico segretario provinciale del Pd sia stato colpito dalla sindrome del marchese del Grillo. Come dire: “Io so’ io e voi non siete un cazzo”. Insomma Egidi non replica ai suoi compagni di partito e non parla con un giornaletto da 35mila lettori al giorno come Tusciaweb. No. Lui tace. Dopo due giorni ovviamente noi non potevamo tacere, che i nostri lettori avrebbero potuto pensare che non volessimo far parlare il super segretario del Pd. Non non è così.

E noi le domande le facciamo ugualmente chissà se il marc… pardon il segretario si degni di rispondere ai compagni di partito e ai cittadini.

Le domande sono semplici, si può rispondere anche senza aver studiato.

1 – Cosa ne pensa della richiesta di Dinelli di presentarsi dimissionario, dopo il cattivo risultato elettorale.

2 – Giulia Arcangeli ha definito la sua gestione mediocre. Cosa replica?

3 – Cosa pensa dell’uscita del Centro democratico dall’alleanza che ha dato vita alle primarie?

4 – Non le sembra un fatto grave?

5 – Non le sembra scorretto cambiare le regole in corsa pur di far partecipare alle primari il candidato voluto da Gigli, Sposetti e Fioroni?  Candidato che con grande perspicacia politica alla prima conferenza stampa ha vantato l’appoggio di Zucchi, ex assessore della giunta Marini di centrodestra. Tanto per sottolineare la sua area di riferimento.

6 – Non le sembra ingenuo portare prima il candidato voluto da Gigli, Sposetti e Fioroni in tutti gli appuntamenti del Pd in campagna elettorale e poi volerlo spacciare per esponente indipendente della società civile? Insomma come si può far passare un ex consigliere comunale della Dc per una novità?

7 – Possibile che il vertice Pd non potesse esprimere un candidato di livello, magari solo di area Pd, ma debba pescare direttamente nel centrodestra? Perché allora come Pd non candidare direttamente Marini, magari ha più esperienza amministrativa. E poi, cosa per il Pd giustamente importante, quello sì che sposta voti di centrodestra.

8 – Alle primarie concorrono tre candidati. Non sarebbe logico che il segretario provinciale e tutto il Pd appoggiasse l’unico candidato del Pd? Lei appoggerà Serra?

9 – Pensa che questo possa essere un metodo per intercettare il vento di cambiamento che soffia nel paese?

10 – Non crede che sia tempo di abbandonare i vecchi metodi della politica che hanno segnato la sua segreteria?

Egidi avrà il coraggio di rispondere? Noi il nostro dovere lo abbiamo fatto. Ma molto presto il suo partito dovrà rispondere agli elettori. E sarà bello vedere il risultato elettorale delle comunali. Vedremo se Egidi ripeterà la prodezza di Bersani… O di Fioroni e Sposetti che sono stati sconfitti alle primarie per due volte da Renzi a Viterbo.

Miyamoto Musashi


Condividi la notizia:
20 marzo, 2013

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR