--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Soriano nel Cimino - Doveva rispondere di peculato

Accusato di aver rubato la divisa, assolto comandante dei vigili urbani

Condividi la notizia:

Soriano nel Cimino

Soriano nel Cimino

Soriano nel Cimino – E’ stato assolto il comandante della polizia locale accusato di aver rubato la sua divisa.

La sentenza è arrivata ieri mattina: a un anno preciso dall’inizio del processo, il collegio presieduto da Eugenio Turco (a latere Silvia Mattei e Rita Cialoni) ha scagionato E.D.G. dall’accusa di peculato.

Il 37enne napoletano restò dal settembre 2009 al maggio 2010 al comando della polizia locale di Soriano. I guai iniziano proprio nella primavera di tre anni fa.

Fu un collega a denunciarlo dopo la sparizione della divisa di comandante, comprensiva di giubbetto, giacca, pantaloni, camicie e calzini.

Il gup di Viterbo Francesco Rigato lo rinviò a giudizio l’estate scorsa per peculato, truffa e falso ideologico. Le ultime due accuse, relative a presunte assenze dal posto di lavoro dell’ex comandante, furono dichiarate decadute dai giudici all’inizio del processo.

L’avvocato Giuseppe Marazzita ha parlato di “accuse insussistenti” e di “clima avvelenato all’interno del comando sorianese”. La difesa ha sempre sostenuto che l’allora comandante fosse inviso ai suoi sottoposti, in particolare ad alcuni di quelli chiamati a testimoniare al processo. Inoltre, per il legale, non c’era alcun obbligo di restituzione della divisa.

Il pm Paola Conti ha chiesto la condanna a 2 anni e 8 mesi, insistendo sull'”illogicità delle spiegazioni fornite dall’imputato, che ha detto di aver prima consegnato le chiavi del Comune e poi di essere tornato in notturna al municipio per lasciarvi la divisa”. Il Comune di Soriano, costituito parte civile, chiedeva tramite il suo legale Pietro Pesciaroli 5mila euro di provvisionale.

Ma i giudici hanno assolto E.D.G. con formula piena. Accolta, comunque, la richiesta del pm Paola Conti di restituzione degli atti alla procura, per procedere contro la moglie e il padre dell’ex comandante per falsa testimonianza. 


Condividi la notizia:
13 novembre, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR