Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Bimbo morto a tre anni - E' quanto emerso dall'autopsia sul corpicino del piccolo Leonardo

Escluse meningite ed encefalite

Condividi la notizia:

Il piccolo Leonardo Sonno

Il piccolo Leonardo Sonno 

L'avvocato Piersalvatore Maruccio

L’avvocato Piersalvatore Maruccio 

Il babbo Filippo e la mamma Valentina col piccolo Leonardo Sonno

Il babbo Filippo e la mamma Valentina col piccolo Leonardo Sonno 

Leonardo abbracciato dal fratellino

Leonardo abbracciato dal fratellino 

Il padre Filippo con Leonardo

Il padre Filippo con Leonardo 

Tarquinia – “Si escluderebbero meningite ed encefalite”.

Si è conclusa poco dopo le 15 l’autopsia sul corpicino di Leonardo Sonno, il piccolo di tre anni morto sabato mattina per una febbre alta.

L’esame è iniziato intorno alle 12,30 all’Istituto di medicina legale della Sapienza di Roma ed ad eseguirlo è stato Luigi Cipolloni, il consulente nominato in mattinata dal pm Maria Bianca Cotronei al quale spetta il compito di fare luce sulle cause della morte del piccolo.

Pochi ma significativi i primi particolari emersi dopo la visita. “Gli esiti dell’esame autoptico – dice il legale della famiglia Sonno Piersalvatore Maruccio – non sono né certi, né sicuri. Quello che è emerso in maniera abbastanza chiara, è che si escludono meningite ed encefalite perché presentano sintomi evidenti sul corpo che non c’erano. Probabilmente la febbre alta può essere riconducibile a problemi di natura broncopolmonare. Non c’è niente di sicuro, però. Il medico si è riservato e si prenderà il tempo necessario per studiare il percorso sanitario del bambino”.

A scopo cautelativo anche il comune di Montalto di castro aveva preso dei provvedimenti chiudendo le scuole di ogni ordine e grado di Pescia Romana fino a mercoledì 26 marzo.

“Per correttezza, attendiamo l’esito della consulenza prima di dire o fare qualcosa”, aggiunge il legale. 

I genitori del piccolo, Filippo e Valentina, non erano a Roma. “Li ho chiamati solo per informarli – continua Maruccio -. Sono persone che, pur colpite da un profondo dolore, dimostrano grande dignità e spessore umano”.

Tra sessanta giorni, dunque, il quadro sarà più chiaro. “Quando sarà depositata la consulenza – conclude il legale – saremo in grado di fare le nostre valutazioni”.

Ora, terminati gli accertamenti, ci sarà il nulla osta per fissare la data dei funerali del piccolo Leonardo.

 


Condividi la notizia:
25 marzo, 2014

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR