Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Castiglione in Teverina - Brigadiere arrestato - No del gip ad alleggerire la misura, dopo l'interrogatorio

Violenza sessuale, il carabiniere resta ai domiciliari

Condividi la notizia:

La caserma dei carabinieri di Castiglione in Teverina

La caserma dei carabinieri di Castiglione in Teverina 

Castiglione in Teverina – Resterà agli arresti domiciliari almeno fino alla decisione del tribunale del Riesame.

G.O., il carabiniere di Castiglione in Teverina arrestato per violenza sessuale, non ha ottenuto alcun beneficio dal gip di Viterbo.

Il tribunale ha respinto la sua istanza di sostituzione dei domiciliari con una misura più leggera. 

L’arresto sabato scorso, dopo la perquisizione in casa dei colleghi dell’Arma. Nell’appartamento di G.O. sarebbero state trovate anche armi detenute illegalmente.

Ma le accuse più gravi restano quelle di violenza sessuale su un giovane poco più che ventenne, stalking, abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio. Violenze che, secondo il ragazzo, sarebbero avvenute fuori e dentro la caserma di Castiglione, in viale Rossi. Precisamente nel segreto delle camerate, dove il ventenne sarebbe stato trascinato dal brigadiere, in momenti in cui, soli in caserma, nessuno avrebbe potuto vederli.

A detta del ventenne che ha sporto denuncia, gli abusi sarebbero iniziati nel 2011. Una valanga di sms e telefonate per ottenere incontri intimi. Ma anche convocazioni in caserma con pretesti di ogni tipo e al di fuori da qualunque motivazione ufficiale o di servizio (da qui, l’accusa di abuso d’ufficio per avere, secondo gli inquirenti, approfittato del suo ruolo di militare dell’Arma per incutere timore nel ragazzo). 

Due giorni fa, l’interrogatorio di garanzia: rispondendo alle domande del gip, il brigadiere, assistito dall’avvocato Angelo Di Silvio, aveva respinto ogni addebito. Specialmente quello di violenza sessuale. Ma il giudice non gli ha creduto, mantenendo i domiciliari.

L’istanza al tribunale della libertà, per ottenere anche un divieto di avvicinamento alla vittima al posto dei domiciliari, è stata presentata stamattina.


Condividi la notizia:
6 agosto, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR