--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Marta - Nel frattempo sono passati cinque anni e l'anziana è morta - Fu soccorsa dal parroco e dal maresciallo del paese

Butta fuori casa la nonna e va al bar, nipote a processo

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Un'aula del tribunale

Un’aula del tribunale

Marta – Litiga con la nonna, le leva le chiavi di casa, la butta fuori e poi va al bar del paese come se niente fosse. E’ lì che lo hanno rintracciato poco dopo i carabinieri, ai quali si è rifiutato di fornire i documenti e dare spiegazioni. Il  giovane, nipote della vittima, è finito sotto processo con l’accusa di maltrattamenti in famiglia ed estorsione. All’origine dei continui litigi ci sarebbero state le sue continue richieste di denaro. 

Nel frattempo sono trascorsi cinque anni dall’episodio, avvenuto a Marta nel 2012, e l’anziana è morta. Avrebbe dovuto essere sentita in aula mercoledì, nel processo in cui era parte offesa contro il nipote. Invece, alla luce del sopravvenuto decesso, il giudice Silvia Mattei dovrà basarsi sulla sola querela orale della donna, rilasciata a suo tempo ai carabinieri del paese.

Sono stati il maresciallo della locale stazione e il parroco di Marta a prestare i primi soccorsi alla poveretta. Hanno chiamato la sorella, perché portasse la doppia chiave, e hanno chiamato un’ambulanza, per le cure del caso in ospedale, dal momento che l’anziana si trovava in grave stato d’agitazione. Non sarebbe stata la prima volta. Il nipote, convivente con la nonna, anche in precedenza – come ha confermato in aula un militare della compagnia di Montefiascone – avrebbe aggredito la congiunta. Sembra sempre per motivi di denaro. “La sua stanza era piena di bottiglie di vino, sparse dappertutto. Sopra il letto, sotto il letto, sopra i mobili, sul pavimento. La camera era colma di bottiglie di vino”, ha detto il carabiniere. A luglio la sentenza. 

16 febbraio, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR