Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Viterbo - Un anno e mezzo e 4400 euro di multa a un cinquantenne viterbese arrestato a luglio

Tre etti di hashish per confezionare 660 dosi, condannato

Condividi la notizia:

Viterbo - Un'aula del tribunale

Viterbo – Un’aula del tribunale

Viterbo – Arrestato lo scorso 6 luglio dai carabinieri con oltre tre etti di hashish, è stato condannato ieri per direttissima a un anno e mezzo di reclusione e 4400 euro di multa per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Era stato fermato nei pressi con la compagna, mentre cedeva una dose di hashish a un assuntore.

Finito in carcere e tuttora agli arresti domiciliari, è stato processato davanti al giudice Giacomo Autizi un cinquantenne viterbese fermato dai militari all’inizio dell’estate.

Il giorno successivo, il fermo è stato convalidato dal giudice, che ha disposto la misura di custodia cautelare in carcere per l’arrestato. 

Durante la perquisizione domiciliare i carabinieri hanno rinvenuto il grosso della droga.

L’operazione si è conclusa con il sequestro di complessivi 362 grammi di hashish, che la perizia del professor Fabio Centini, tossicologo forense dell’università di Siena, ha quantificato in potenziali 667 dosi da immettere sul mercato dello spaccio.

L’uomo, giudicato con il rito abbreviato condizionato alla perizia tossicologica sullo stupefacente, come chiesto dalla difesa, ha potuto usufruire dello sconto di un terzo della pena. Ma ciò non gli ha risparmiato, nonostante il riconoscimento della lieve entità e la richiesta da parte del pm di una più mite condanna a 10 mesi e duemila euro di multa, la più severa pena a un anno e mezzo di reclusione inflitta dal giudice. 

In compenso il magistrato ha apprezzato la volontà di chiudere col passato dell’imputato, tossicodipendente, cui ha concesso, già prima della sentenza, il permesso di uscire tutte le mattine, dal lunedì al venerdì, dalle  ore 9 a mezzogiorno, per recarsi al Sert e proseguire il percorso di recupero iniziato dopo l’arresto. 


Articoli: Coppia spaccia hashish vicino al Sert, a ciascuno il suo processo – Sorpresi a spacciare droga vicino al Sert


Condividi la notizia:
5 ottobre, 2018

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR