--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Media - Dagospia riprende la notizia di Tusciaweb sull'uomo che in treno ha messo il pene sulla coscia di una studentessa

“Signorina, dove glielo appoggio?”

Condividi la notizia:

L'articolo di Tusciaweb su Dagospia

L’articolo di Tusciaweb su Dagospia

Viterbo – Tusciaweb finisce su Dagospia.

Il sito di Roberto D’Agostino ha ripreso la notizia dell’uomo che, in treno, ha messo il pene sulla coscia di una studentessa di 20 anni.

Le mette il pene su una coscia in treno…“, il titolo di Tusciaweb. Ecco quello di Dagospia: “Neo bon ton. Signorina, dove glielo appoggio? A Viterbo su un treno un extracomunitario di 68 anni tira fuori il pene e lo appoggia sulla coscia di una 20enne che stava andando all’università. La ragazza sporge denuncia contro ignoti e il caso rimane in sospeso fino al quando la vittima se lo ritrova, per puro caso, faccia a faccia”.

Di seguito l’articolo di Tusciaweb, ripreso da Dagospia.

Sul treno, tira fuori i genitali e li appoggia sulla coscia di una viaggiatrice.

Vittima una studentessa 20enne che nella primavera 2016 stava andando in treno all’università. Se lo è ritrovato davanti per puro caso dopo un paio di mesi e lo ha riconosciuto. Lui, un 68enne, per quell’approccio sessuale è finito sotto processo per violenza.

La giovane, subito dopo il fatto, sporse denuncia contro ignoti alla polizia ferroviaria, fornendo però un dettagliato identikit del molestatore, dall’aspetto fisico all’abbigliamento.

A distanza di un paio di mesi, il 16 maggio di tre anni fa, se lo è ritrovato davanti per caso. Mentre stava di fronte alla stazione di Porta Romana, la 20enne si è imbattuta in una pattuglia della Polfer che stava controllando uno straniero. Le è bastato uno sguardo per capire che l’extracomunitario era il maniaco che l’aveva molestata qualche settimana prima. E le è bastato un attimo per dirlo agli agenti in mezzo ai quali l’uomo si trovava.

“Quando ci ha detto che era lui l’uomo che le aveva appoggiato i genitali sulla gamba, abbiamo confrontato con la descrizione fatta nella denucia e corrispondeva in tutto e per tutto”, ha confermato uno degli agenti intervenuti al processo in cui l’uomo, un 68enne, deve rispondere di violenza sessuale.

Il prossimo 12 novembre sarà la presunta vittima a parlare davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei.


– Le mette il pene su una coscia in treno…


Condividi la notizia:
18 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR