--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - E' tra le contestazioni al 68enne di Onano allontanato per stalking dall'attrice romana - Deve stare alla larga anche da familiari e collaboratori - La difesa pensa alla perizia psichiatrica

Vestito da supereroe diceva a Sabrina Ferilli: “Dobbiamo fare sesso per la razza”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Sabrina Ferilli

Sabrina Ferilli

Gli avvocati Samuele De Santis (a sinistra) e Enrico Valentini

Gli avvocati Samuele De Santis (a sinistra) e Enrico Valentini

Onano – Sembra uno scherzo di carnevale, invece è uno dei tanti atti persecutori messi a segno da uno stalker contro la sua vittima. Si sarebbe appostato mascherato da supereroe e armato di spada di plastica sotto casa di Sabrina Ferilli, il 68enne di Onano colpito due settimane fa non solo dal divieto di avvicinamento all’attrice, ma anche ai suoi collaboratori e ai familiari.


– E’ un vedovo 68enne dell’Alta Tuscia lo stalker di Sabrina Ferilli


È la misura cautelare disposta lo scorso 21 febbraio dal gip Alessandro Arturi del tribunale di Roma nei confronti di Carlo Neri, il pensionato 68enne di Onano, difeso dagli avvocati Enrico Valentini e Samuele De Santis, accusato di stalking in seguito alla denuncia presentata dalla popolare attrice romana lo scorso 11 gennaio dopo dieci anni di persecuzioni.

Il pensionato avrebbe anche scritto tredici lettere all’attrice, oggi 54enne, invitandola ad “accoppiarsi” per il bene della razza umana. Lettere “deliranti”, secondo l’ordinanza di misura cautelare del giudice per le indagini preliminari. I difensori non escludono di chiedere una perizia psichiatrica in sede di incidente probatorio. 

Nel frattempo è emerso come, già nel 2013, la Ferilli avesse presentato un primo esposto ottenendo una diffida nei confronti del suo persecutore. Diffida che per l’appunto non sarebbe bastata, se non nel breve periodo, a scoraggiare il vedovo dell’Alta Tuscia dal proseguire nelle sue condotte. Dal 2015 un’escalation di comportamento sempre più inquietanti e pericolosi. 

L’uomo, in almeno due occasioni, sarebbe arrivato a presentarsi al cospetto della Ferilli indossando una tuta celeste, con una spada giocattolo in mano, dicendole di essere “stato mandato dai marziani che gli avevano ordinato per la sopravvivenza della razza di unirsi sessualmente a lei”.

“In relazione al reato a lui contestato – scrive il giudice per le indagini preliminari – viene ordinato all’indagato di non avvicinarsi per un raggio di almeno cinquecento metri a Ferilli Sabrina, alla sua abitazione e a ogni altro luogo da lei frequentato, per motivi di lavoro e per soddisfare qualsiasi esigenza di vita propria o della famiglia”.

“Viene inoltre ordinato – prosegue il gip – in caso di incontro occasionale, di portarsi a una distanza non inferiore a cinquecento metri, ordinando, altresi, all’indagato di non contattare la parte offesa, i collaboratori e i familiari della stessa per via telefonica, telematica, epistolare e con qualunque altro mezzo diretto o indiretto di comunicazione”.

Il 68enne di Onano si sarebbe presentato per la prima volta sotto casa dell’attrice nel 2009, presentandosi come uno scrittore di pezzi teatrali e sceneggiature cinematografiche, invitandola alle sue presunte rappresentazioni. In breve sarebbe giunto a manifestazioni via via sempre più stravaganti, fino agli agguati messi a segno  appostandosi al bar vicino al condominio romano dove vive l’attrice vestito da supereroe.

Negli ultimi cinque anni ci sarebbe stata un’escalation di atti persecutori. Il pensionato, che avrebbe pedinato l’attrice perfino sul set e durante le vacanze a Ischia dell’estate scorsa, ultimamente si sarebbe spinto ad aggredire fisicamente la vittima, strattonandola per un braccio, per ottenere la sua attenzione.

Le avrebbe inoltre scritto ben 13 lettere dai contenuti deliranti, in cui le avrebbe rappresentato la necessità “cosmica ed escatologica” di unirsi sessualmente a lei “funzionale alla nascita di una prole destinata a salvare il mondo e l’umanità”.

Concetto ribadito verbalmente presentandosi agghindato da supereroe davanti alla Ferilli e reagendo al rifiuto dell’attrice gridandole con veemenza “distruttrice dell’umanità”.

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
5 marzo, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR