--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Pedopornografia - Parla uno dei carabinieri che hanno svolto le indagini sugli imputati - A processo due fratelli inchiodati dai filmati estrapolati dai loro telefoni cellulari

“Nel video si vede un bimbo nudo e un peluche che gioca con le sue parti intime”

Condividi la notizia:

Il sostituto procuratore Chiara Capezzuto

La pm Chiara Capezzuto – E’ titolare del fascicolo inviato dalla Dda di Roma

Viterbo – (sil.co.) – “Nelle immagini si vede un bimbo in tenera età nudo e un peluche che gioca con le sue parti intime”. Le immagini sono cinque fotogrammi tratti dal video composto dai filmati che i carabinieri hanno estrapolato dai telefoni cellulari sequestrati a due fratelli. Entrambi sono finiti a processo davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei per reati connessi alla pedopornografia. 

I due fratelli sono stati rinviati a giudizio a giudizio su richiesta della Dda di Roma, competente per questo tipo di reati. La delicata inchiesta, partita da Viterbo, risale al 2017. Il fascicolo è stato affidato alla pm Chiara Capezzuto. 

Ieri davanti al tribunale di Viterbo in composizione collegiale si è tenuta un’udienza lampo, nel corso della quale è stato sentito uno dei militari che si sono occupati delle indagini, Antonio Marsicovetere, del comando stazione di Prima Porta, mentre è saltata l’audizione del consulente tecnico dell’accusa, il ctu Marco Morelli, che ha estrapolato i tre filmati contenuti nel dvd acquisito agli atti.

“I cinque fotogrammi – ha spiegato il militare – sono stati selezionati da una porzione di video della durata di circa otto minuti e rappresentano un bambino in tenera età del quale si vedono le parti intime e un peluche che gioca con le sue parti intime”. 

Per sentire gli ultimi testimoni e per la sentenza, si torna in aula il prossimo 17 marzo.


Condividi la notizia:
17 luglio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR