Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Follia in via Lorenzo da Viterbo - 23enne tenta di strangolare la fidanzata, accoltella la sorella di lei e ferisce un uomo - In tre finiscono all'ospedale - La polizia ipotizza tentato omicidio, lesioni e maltrattamenti

Violenza e aggressioni all’alba, arrestato il giovane fermato

Condividi la notizia:

Viterbo - L'intervento della polizia in via Lorenzo da Viterbo

Viterbo – L’intervento della polizia in via Lorenzo da Viterbo

Viterbo – (r.s.) – Ha quasi strangolato la fidanzata, per poi brandire un coltello di 38 centimetri e ferire la sorella della ragazza, intervenuta in sua difesa.

È stata una notte di follia quella tra sabato e domenica in un appartamento al primo piano in via Lorenzo da Viterbo, a pochi metri da piazza Crispi. Una notte di follia che è poi degenerata, all’alba, in una feroce lite fra le tre coppie presenti nell’abitazione.

Il culmine è stato raggiunto intorno alle 5, quando un 23enne dominicano avrebbe chiuso in camera la sua fidanzata: una 20enne di nazionalità italiana che il ragazzo, sotto l’effetto dell’alcol, avrebbe provato a strangolare. Stando a quanto ricostruito dagli investigatori, già in passato e più volte il 23enne, sempre ubriaco, avrebbe stretto le mani intorno al collo della compagna fino a farla addirittura svenire.

Ma all’alba in soccorso alla giovane sono intervenute le altre due coppie presenti nell’appartamento, che hanno sfondato la porta della camera chiusa a chiave. Ed è a quel punto che il dominicano è andato su tutte le furie. Ha morso sulla mano un uomo, di nazionalità italiana. Poi sono volati pugni, schiaffi e calci, finché il 23enne non ha brandito un coltello da cucina di 38 centimetri e ha ferito al braccio la sorella della fidanzata.

Chi era in casa ha iniziato a urlare terrorizzato, e le grida hanno svegliato di soprassalto l’intero vicinato. Per scappare dalla furia del ragazzo, le due coppie si sono lanciate dalla finestra: un volo di circa tre metri, fortunatamente senza conseguenze. Il tutto è poi proseguito in strada, con il dominicano che, coltello in mano, avrebbe rincorso gli altri.

È a quel punto che in via Lorenzo da Viterbo arrivano tre volanti della polizia, allertate dai residenti. Gli agenti trovano il 23enne in strada. È seminudo e alterato, al tal punto che per bloccarlo devono utilizzare ben tre bombolette di spray al peperoncino. Il ragazzo, per accertamenti, è poi stato portato all’ospedale di Belcolle. È stato ricoverato nel reparto di medicina protetta: dopo essere stato fermato, infatti, per lui è stato disposto l’arresto in carcere. Nei prossimi giorni il giudice dovrà decidere sulla convalida dell’arresto e, in caso, disporre la misura cautelare.

I poliziotti della squadra volante hanno ipotizzato i reati di tentato omicidio, lesioni personali aggravate, maltrattamenti in famiglia, porto d’arma e resistenza a pubblico ufficiale. Ma la posizione del dominicano è ora al vaglio del pm Stefano d’Arma, che dovrà formalizzare le accuse. Otto, invece, i giorni di prognosi per le tre persone finite all’ospedale: la ragazza strangolata, quella accoltellata e l’uomo morso alla mano.


Articoli: Tenta di strangolare la fidanzata e accoltella la sorella di lei – Lite all’alba in via Lorenzo da Viterbo, residenti svegliati da urla e grida


Condividi la notizia:
4 agosto, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR