--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Continua l'incubo di Noemi e degli oltre 900 marittimi in cerca di un porto da due settimane - A bordo un centinaio tra Covid-positivi e casi sospetti

Cuba dice no, Costa Magica va verso Miami

Condividi la notizia:

Noemi Citti

Noemi Citti

Anna, la mamma di Noemi Citti

Anna, la mamma di Noemi Citti

Bassano Romano – (sil.co.) – Sembrava vicina la fine dell’incubo, invece Cuba avrebbe rifiutato l’attracco della nave da crociera Costa Magica con 970 marittimi a bordo, 130 dei quali italiani, tra cui Noemi Citti, l’operatrice turistica 25enne di Bassano Romano.

La nave, in navigazione dal 10 marzo senza trovare un porto disposto ad accoglierla per paura del Coronavirus, starebbe facendo rotta verso Miami.

Ci sarebbero 5 marittimi positivi, mrntre i casi sospetti saebbero saliti a una novantina. Noemi Citti, secondo quanto riferito nei giorni scorsi dalla madre, non accuserebbe sintomi.

La nave, dopo giorni di fermo al largo delle coste della Martinica, si è diretta verso Cuba che pareva potesse accogliere l’unità. A venti miglia dall’isola, il governo cubano avrebbe però in un secondo momento rifiutato l’attracco di “Magica” che si sarebbe perciò diretta verso Miami.

Oltre a Costa Magica, anche Costa Favolosa è in navigazione nel Mar dei Caraibi, entrambe con soli membri di equipaggio a bordo.


L’appello di una mamma alla Farnesina

La mamma di un collega 27enne di Noemi Citti, disperata, nel tardo pomeriggio di ieri ha fatto appello alla Farnesina tramite l’Ansa perchè si sblocchi la situazione.

“La situazione su Costa Magica in navigazione nel mare dei Caraibi è pericolosa e va risolta il prima possibile. Non ci sono italiani di serie A e Z e per questo Le chiedo di intervenire quanto prima per aiutarli a rientrare nel nostro Paese dove chi dovrà potrà fare eventualmente quarantena in modo adeguato e non su una nave in mezzo al mare”.

Lo scrive al ministro degli Esteri Luigi Di Maio la madre di un marittimo a bordo di Costa Magica dalla quale sono sbarcati tutti i passeggeri il 19 marzo scorso dopo casi di Coronavirus.

“Capisco la criticità e le difficoltà – scrive Cinzia Persico, infermiera al Sant’Andrea della Spezia e madre di Nicola Rubini, 27 anni, impiegato sulla nave – e le vivo col mio lavoro, ma confido in una risoluzione. Mio figlio è lì con altri 970 membri dell’equipaggio, 130 italiani, che sono in parte febbrili e con sintomi di Covid-19. Oggi le persone con febbre in isolamento sono 88”.


“Situazione estremamente complessa”

Costa Crociere ribadisce in una nota che la priorità della compagna è riportare a casa tutti i membri dell’equipaggio di queste due navi in assoluta sicurezza.

“Costa Crociere sta da giorni collaborando con le autorità italiane e internazionali per arrivare a una soluzione nel più breve tempo possibile, valutando tutte le alternative, tra cui anche Cuba, ed attivando tutti i canali diplomatici disponibili, con l’obiettivo di trovare un porto dove sbarcare alcuni membri dell’equipaggio per cure mediche e riportarne una parte a casa tramite voli aerei, prima di eventualmente affrontare la traversata transatlantica verso l’Europa”, si legge.

“Purtroppo – prosegue la nota – le restrizioni imposte da molti paesi a seguito della pandemia globale di Covid-19 dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno reso lasituazione estremamente complessa e diversi paesi dell’area a cui Costa Crociere aveva richiesto l’attracco hanno negato questa possibilità e conseguentemente lo sbarco, nonostante le ripetute richieste da parte della compagnia”.

Nel frattempo, la situazione medica a bordo sarebbe costantemente monitorata dal personale medico e le navi avrebbero ricevuto materiale medico aggiuntivo.

“A bordo – prosegue la nota – i protocolli di sicurezza sanitaria applicati prevedono l’isolamento  di tutti i membri dell’equipaggio con una sistemazione in cabine con balcone e relativo room service. L’equipaggio riceve Internet gratuito per rimanere in contatto con le proprie famiglie e i propri cari. La salute e la sicurezza dei membri dell’equipaggio è per Costa Crociere una priorità”.


Articoli: Costa Magica verso Cuba, fine dell’odissea più vicina per Noemi Citti – La 25enne bloccata sulla nave Costa Magica: “Non ce la faccio più, ho bisogno di stare tranquilla” – Coronavirus, viterbese 25enne bloccata su una nave ai Caraibi


Condividi la notizia:
26 marzo, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR