Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Intervista al viterbese Antonio Cuzzoli, direttore del dipartimento di emergenza-urgenza dell'ospedale di Cremona

“La situazione è drammatica… e umanamente devastante”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:

Antonio Cuzzoli

Antonio Cuzzoli

Coronavirus - Una terapia intensiva

Coronavirus – Una terapia intensiva

Allerta Coronavirus

Allerta Coronavirus

Il test del Coronavirus

Il test del Coronavirus

Viterbo – “La situazione è drammatica ed è umanamente devastante”.  Antonio Cuzzoli è un medico e dirige il dipartimento di emergenza-urgenza dell’azienda socio-sanitaria territoriale di Cremona. Una delle province italiane più duramente colpite dal Coronavirus. La prima linea. “Solo a Cremona città – spiega Cuzzoli – abbiamo avuto 1600 malati, in 40 giorni. Ed è ancora la percentuale più alta”. 

Cuzzoli è originario di Caprarola, nipote di Pietro Cuzzoli, carabiniere ucciso l’11 maggio 1980 da due terroristi a Ponte di Cetti, durante gli anni di piombo, e tra il 2006 e il 2011 ha diretto il pronto soccorso dell’ospedale Belcolle di Viterbo.

“Stiamo cercando di sopravvivere – prosegue Cuzzoli -. Ma quello che ci ha tenuto in piedi è stata ed è la convinzione dell’essere umano. La convinzione di aver bisogno gli uni degli altri. Poi ogni guerra richiede un’analisi. E noi dobbiamo già fare analisi per mettere in atto miglioramenti del nostro servizio sanitario”. 

Dottor Cuzzoli, quale è adesso la situazione in Lombardia e nel cremonese?
“La situazione è drammatica e umanamente devastante. Abbiamo 40 morti al giorno. Le salme portate via dai camion militari. Una cosa del genere era impensabile fino a due mesi fa. Ma non siamo eroi. L’eroismo è un personalismo estemporaneo. Gli ideali di chi invece vuole rispondere al proprio dovere sono una cosa diversa. Il numero dei morti è ancora alto e i decessi sono il risultato di molteplici fattori, sicuramente legati a una virulenza che non ci aspettavamo e che non era prevista”. 

Lo stato di allerta è stato proclamato alla fine di gennaio. Nei giorni successivi non si poteva fare già qualcosa?
“Certo, dalla fine di gennaio al 20 febbraio qualcosa si sarebbe potuta fare. E non è il senno del poi, il criticare”. 

E cosa si sarebbe potuto fare in questo periodo di tempo?
“Ad esempio potenziare le strutture di emergenza. Noi abbiamo modulato il nostro ospedale giorno per giorno per rispondere a quelle che sono le fasi dell’emergenza. E adesso non si tratta più di emergenza. L’emergenza è un periodo limitato che abbiamo abbondantemente superato. L’emergenza è diventata ora una guerra. Io sono stato in ospedale 31 giorni di fila. E ogni 12 ore, assieme al direttore generale e al direttore sanitario, abbiamo fatto l’unità di crisi. E tutto questo per modulare l’ospedale”.

Che risultati avete ottenuto modulando l’ospedale?
“L’ospedale di Cremona è passato da 10 posti letto di terapia intensiva a 58”.

In quanti giorni?
“Sette giorni. E all’inizio abbiamo fatto tutto con gli stessi operatori. Poi sono arrivati gli aiuti di operatori anche giovani. Però si sono ammalati alcuni degli altri. Dieci medici, di cui uno in rianimazione. Un giovane medico”. 

Sono diversi i medici che si sono ammalati, secondo lei come è stato possibile?
“I dispositivi di protezione li abbiamo sempre avuti. Non ci sono mai mancati. E questo in ospedale. Forse è stato diverso sul territorio. In ospedale abbiamo sempre curato molto la vestizione e la svestizione, con procedure ferme e precise. Però la carica virale di diversi pazienti è stata molto importante. I colleghi che si sono ammalati in maniera più importante hanno avuto contatti con pazienti più gravi. E basta una piccola distrazione. A volte anche gli occhiali, perché le congiuntive sono uno dei punti di ricezione più importanti del virus. Quindi anche gli occhi vanno coperti. Le disposizioni del ministro della salute Speranza, sono perfette”.

In questi anni la sanità pubblica ha subito diversi tagli che adesso sembra proprio li stia scontando tutti…
“Esatto. Altroché. Stiamo vivendo quello che noi medici internisti d’urgenza abbiamo reclamato da anni. L’ospedale è diventato sempre più un ospedale di tipo programmato. Quindi le visite, gli ambulatori, eccetera. Però l’ospedale deve reggersi su un dipartimento funzionale di emergenza capace di coinvolgere le vere strutture che rispondono alle emergenze e alle urgenze. Questa è una guerra che non avevamo previsto”. 

Perché secondo lei lo stato non ha requisito gli ospedali privati?
“Ottima domanda. Personalmente ho più volte sollecitato una risposta integrata tra territorio e ospedale. A Cremona abbiamo tre cliniche private che hanno fatto il loro dovere”. 

In questa guerra contro il Coronavirus, quali sono oggi le figure centrali all’interno di un ospedale?
“A Cremona l’unità di crisi ha funzionato e ha lavorato bene. Il direttore generale per primo, il direttore sanitario, il direttore di presidio e quello di dipartimento. Abbiamo tutti lavorato bene. Hanno lavorato bene gli pneumologi, gli infettivologi. Tutti. Ma chi è che ha lavorato in maniera straordinaria? L’operatore. C’è stata una risposta di grande spessore grazie a tutti gli operatori, vale a dire i medici, gli infermieri, gli operatori sociosanitari. Le signore delle pulizie. Non dimentichiamoci di loro”. 

Ci sono anche molti medici di medicina generale che in queste settimane stanno combattendo una battaglia direttamente sul territorio…
“Assolutamente sì. I medici di medicina generale si sono trovati a combattere una battaglia nel deserto dei tartari. A loro va fatto un plauso enorme. Perché sono andati a visitare le persone senza avere presidi. Molti medici di medicina generale hanno inoltre esposto problematiche, con buona parte di ragione, perché sono state ritardate le misure procedurali per una chiara esemplificazione su cosa avrebbe dovuto e potuto fare il medico di medicina generale. La regione Lombardia si è mossa e ha istituito le unità di risposta di medicina di continuità assistenziale che vanno a casa del paziente, vedono le condizioni di salute, valutano la possibilità del tampone e poi considerano la necessità dell’intervento in ospedale”.

Il virus sta iniziando a colpire anche la popolazione in giovane età. Si tratta di casi oppure anche questa sta diventando una delle dinamiche del Covid?
“La popolazione più colpita è quella anziana, ma stiamo riscontrando e stiamo ancora vedendo pazienti giovani, quarant’anni e anche meno. Ho seguito personalmente il caso di una persona di 34 anni, sanissima, che è stata purtroppo intubata”. 

E non aveva patologie pregresse?
“Nessuna. credimi, nessuna. Il ragazzo che ho citato prima, è un ragazzo atletico e forte”.

E cosa è successo?
“E’ stato a casa una settimana con la febbre alta. Quindi la sorveglianza domiciliare non deve essere passiva”.

Cosa serve per evitarlo?
“Serve una medicina che vada a casa. E può essere il medico ospedaliero, il medico di medicina generale, può essere il medico di continuità assistenziale. L’importante è che ci si muova per fare un filtro nel domicilio del paziente e poi un ponte per l’ospedale. In ospedale deve arrivare il paziente che non può essere gestito a casa. Ma non può arrivare in condizioni disperate”.

Chi può fare da ponte?
“Il medico di medicina generale purché sia stabilità una linea operativa e procedurale chiara. Perché i medici di medicina generale vanno protetti. Bisogna dargli dispositivi e presidi, anche terapeutici”. 

La Lombardia è uno dei centri sperimentatori dei farmaci contro il Coronavirus. Quali sono quelli che utilizzate nelle vostre terapie?
“I farmaci sono essenzialmente gli antivirali. Gli antivirali vanno a colpire la replicazione virale, diminuendola. L’anti interleuchina 6 e l’anti interleuchina 1 vanno poi a colpire la malattia. Infine c’è il vero farmaco che cura la malattia. Il tocilizumab. Questa è la cura. Una cura in cui il paziente grave deve essere sottoposto a una terapia di immunomodulazione che permette una pronta risposta. Il tocilizumab va a curare l’infiammazione. Perché i pazienti muoiono per processi infiammatorio flogistici e trombo embolici dell’alveolo”.

Che vuol dire?
“L’alveolo è l’unità funzionale del polmone. Quel sacchettino dove vengono scambiati ossigeno e andridrite carbonica. A causa del Covid quel sacchettino collassa, ossia viene danneggiato dalla risposta infiammatoria del virus”.

Quando arriva una persona in ospedale, cosa prevedono i protocolli?
“Il mio protocollo prevede una tac precoce a tutti i pazienti in pronto soccorso. Questo permette di individuare subito i pazienti a evoluzione critica severa. Dopodiché li indirizziamo verso una terapia precoce in un posto di assistenza medio alta. Ecco, ad esempio, a cosa serve l’ospedale modulare e modulato su più livelli di intensità di cura”.

E con i farmaci come intervenite?
“L’antivirale va dato ai pazienti che hanno una carica virale importante o comunque con indici infiammatori molto alti. Poi c’è l’anti interleuchina 6 che è un farmaco salvavita che va dato a pazienti critici che stanno evolvendo rapidamente”. 

Prima di arrivare in ospedale c’è comunque tutta una fase domiciliare…
“Sì, è una fase preliminare importante. Una fase in cui il tampone andrebbe fatto per i pazienti che presentano una sintomatologia anche lieve. Se infatti prendo 100 pazienti, 80 vivono una malattia molto lieve. Sono i cosiddetti paucisintomatici. Persone che hanno piccoli sintomi, mal di gola, raffreddore, qualche volta febbricola e finisce lì. Queste persone di solito non vengono tamponate”. 

Perché invece è stata fatta la scelta di tamponare soltanto le persone malate?
“Perché c’è stata questa scelta. Probabilmente fatta sulla base di disponibilità, di risorse. E questo secondo me provoca che il paziente, che non ha grossi sintomi, resta a casa, si mette in quarantena e si cura di solito con la tachipirina. E il tampone non gli viene fatto”.

Questa scelta non potrebbe anche aver alterato le statistiche su chi ha contratto il virus e chi no?
“A mio modesto parere sì, perché il tampone è stato fatto solo alle persone malate”. 

Quali sono i principali fattori di gravità per capire se una persona potrebbe aver contratto o no il Coronavirus?
“Il primo parametro importante per la gravità è la febbre superiore ai 37,5 gradi. Il secondo parametro è l’attività cardiaca che non dovrebbe superare i 100 battiti al minuto. Il terzo, più importante ancora, è la saturazione di ossigeno. Se presenta questi sintomi deve chiamare il medico”.

Un paziente con sintomi lievi cosa deve fare?
“Se ha sintomi lievi deve stare a casa. E sarebbe utile cominciare un trattamento di primo livello. Sempre sotto la guida del medico e degli operatori che andranno a monitorare il paziente. Medici e infermieri possono valutare poi giornalmente questi pazienti. Almeno per 14 giorni. Se tutte le cose vanno bene, il paziente rimane a casa e non si contamina lui e l’ambiente ospedaliero”.

I pazienti che arrivano in ospedale quale percorso seguono?
“In ospedale noi abbiamo messo un pre-triage, il tendone della protezione civile per intenderci. Lì ci sono medici e infermieri che decidono se il paziente deve seguire un percorso Covid oppure non ha bisogno di percorso Covid e va nel percorso cosiddetto pulito. Quindi in un pronto soccorso deve esserci un percorso Covid e uno non Covid. Poi l’ambulanza che arriva con un paziente in condizioni di emergenza non viene fermata nel pre-triage ma va direttamente in pronto soccorso”. 

Dopo quanto tempo un paziente Covid può dirsi guarito?
“Noi abbiamo avuto una variabilità piuttosto estesa. Quelli più gravi sono dentro da più di un mese. Poi c’è stato chi ha risolto la propria criticità in pochi giorni e li abbiamo rimandati a casa per finire la quarantena. Durante questo periodo deve fare due tamponi ed entrambi devono risultare negativi. E chi supera la malattia torna a fare una vita normale. Anche se è lunga”.

Le mascherine Ffp2 e Ffp3 vanno usate solo dagli operatori sanitari oppure le possono utilizzare anche i cittadini?
“Se un cittadino mette la Ffp2 o la Ffp3 per andare a fare la spesa, e magari è portatore del virus, rischia di trasmetterlo agli altri. Le mascherine Ffp2 e Ffp3 le dovrebbero portare solo gli operatori sanitari a stretto rischio. Mettendo sopra anche una mascherina chirurgica per maggiore sicurezza. La mascherina chirurgica isola naso e bocca in uscita e in entrata. La Ffp2 e la Ffp3 servono a respirare meglio proprio perché hanno una valvola che chiude l’entrata ma non chiude l’uscita. E queste mascherine le dovrebbero usare solo gli operatori sanitari, a stretto rischio, per manovre sanitarie. Ad esempio in pronto soccorso, chi fa la broncoscopia, i pneumologi, i rianimatori. Il cittadino che va a fare la spesa, perché deve mettere la Ffp2 o la Ffp3 se non sa di essere sano? E per saperlo, dovrebbe fare un tampone al giorno. Se un cittadino mette la Ffp2 o la Ffp3 e magari è portatore del virus rischia di trasmetterlo agli altri. Quindi è bene che la Ffp2 e la Ffp3 la portino soltanto gli operatori sanitari e chi sta veramente a contatto con situazioni di rischio. Coprendola anche con una mascherina chirurgica che è una protezione in più. Così, in questo modo, l’isolamento è in entrata, grazie alle Ffp, e in uscita, grazie alla chirurgica. Questo per gli operatori. Per i cittadini va bene la mascherina chirurgica che li isola sia in entrata che in uscita”.

Quando finirà la guerra contro il Coronavirus?
“Senza vaccino non ne usciremo. Questo è un virus nuovo di cui non abbiamo ancora una conoscenza approfondita. La ricerca si sta muovendo in maniera molto importante. Ma il vaccino non arriverà domani mattina. Poi dovremo valutare le persone per capire se hanno superato o no la malattia. Mi auguro che l’ondata principale sia in lieve diminuzione per poi uscirne in prima estate. Dopodiché andrebbero messe in atto tutte le misure per evitare che con l’autunno ci sia di nuovo una nuova infezione”. 

Tutto quello che sta accadendo, secondo lei che impatto sociale avrà?
“Terrificante. Il problema sociale sarà l’onda terribile di tutto quello che sta accadendo in questo momento. Ho a cuore tutte le persone che non possono lavorare e non lo stanno più facendo da tanti giorni. Lo stato, quello non la S maiuscola, deve sopperire a tutto questo e venire incontro a tutte le fasce sociali che hanno bisogno. Ma lo deve fare in maniera pronta. Perché una persona che sta male economicamente poi sta male anche di salute. E questo, uno stato civile non lo può e non lo deve permettere”. 

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
6 aprile, 2020

Coronavirus aprile ... Gli articoli

  1. "In casa e in isolamento, senza parola, dialogo e conversazione"
  2. Elevato a 1000 euro il bonus Inps per chi è stato danneggiato dall'emergenza Covid
  3. Più di 11mila aziende laziali hanno chiesto di poter continuare a lavorare
  4. Spiagge a numero chiuso e ombrelloni distanziati
  5. Dalla perdita di peso alla sensazione di non saper più respirare, ecco cosa vive un paziente Covid
  6. Funerali, vietato scambiarsi il segno di pace
  7. Emergenza Coronavirus, finalmente a casa il viterbese rimasto bloccato in India
  8. "Se la zona rossa continua, rischiamo gravi problemi di ordine pubblico"
  9. Il piccolo Luca è tornato a casa, insieme alla mamma che è guarita
  10. Coronavirus, mai così tanti guariti in un giorno: 4mila 693
  11. Tamponi tutti negativi, a Tarquinia riapre l'ospedale - Un positivo oggi a Rieti, 4 a Latina e 2 a Frosinone
  12. Due nuovi casi, morta una donna di Tarquinia, i deceduti arrivano a 20
  13. "Nella zona rossa di Giove la situazione è sotto controllo"
  14. "La Fase 2 segnerà la fine del commercio nel centro storico"
  15. "Lo stato in cui credevo mi ha lasciato col culo per terra..."
  16. "Il lavoro lo ha esposto al contagio, uomo ricoverato a Belcolle"
  17. 436 casi nella Tuscia, ma attualmente sono positivi solo 266
  18. "2086 nuovi casi, 323 morti e 2311 guariti"
  19. Nessun caso oggi a Viterbo, 4 a Rieti, 2 a Latina e 1 a Frosinone
  20. "Ospedale di Tarquinia, tutti negativi i 232 tamponi a personale e pazienti"
  21. "Ospedale di Tarquinia, tutti negativi i 232 tamponi a personale e pazienti"
  22. Coronavirus, zero contagi nella Tuscia
  23. Guarite bambina di 4 anni e studentessa Unitus
  24. Coronavirus, nessun paziente in terapia intensiva a Belcolle
  25. "Una rivoluzione romantica contro il governo Conte..."
  26. Smart working, nel Lazio raggiunto il 96,6% nella pubblica amministrazione
  27. "La bestia maledetta se ne è andata, grazie agli angeli di Belcolle"
  28. Un solo caso oggi a Rieti e Viterbo, 3 a Latina e Frosinone
  29. Coronavirus, un solo contagio e otto guariti nella Tuscia
  30. L'unico nuovo contagiato è legato alla rsa di Campagnano Romano
  31. Il conducente potrà decidere di non effettuare alcune fermate...
  32. "Orte apripista in tutto il Lazio per i test sierologici su base volontaria"
  33. "Siamo i ribelli della montagna..."
  34. Coronavirus, 1739 contagiati e 333 morti oggi
  35. Coronavirus, morta un'altra ospite di Villa Noemi
  36. "Basta zona rossa, fateci riprendere a lavorare"
  37. "La nascita di Luca ci dà la forza di pensare che domani sarà un giorno migliore, siamo fieri di voi"
  38. Guariti pompiere, carabiniere e bambino di 5 anni
  39. "Anche a noi carabinieri il virus fa paura, ma dobbiamo scendere in strada per la sicurezza dei cittadini"
  40. Il piccolo Luca non ha il Coronavirus
  41. Fase 2, ecco cosa riapre e quando
  42. Coronavirus, oggi 260 morti e 1808 guariti
  43. Coronavirus, oggi 260 morti e 1808 guariti
  44. "Entro maggio la selezione dei volontari per il vaccino"
  45. "Entro maggio la selezione dei volontari per il vaccino"
  46. Coronavirus, 3 nuovi casi e una paziente anziana morta
  47. 25 aprile, la liberazione di Celleno dalla zona rossa...
  48. "Far nascere Luca è stato emozionante, è un bambino allegro e pieno di vita"
  49. Sei nuovi positivi e 32 guariti nell'Alto Lazio, un morto nella Tuscia
  50. Cinque morti a Villa Noemi, la Asl: "Solo due sono deceduti per il Covid"
  51. "Rsa San Giuseppe, 91 tamponi tutti negativi"
  52. Coronavirus, oggi 415 morti e più di 2mila 600 guariti
  53. Coronavirus, 114 positivi allo Spallanzani
  54. Coronavirus, 114 positivi allo Spallanzani
  55. Nasce da madre positiva, neonato sottoposto al tampone
  56. Coronavirus, Arcuri: "Al via i test sierologici dal 4 maggio"
  57. Coronavirus, tre nuovi positivi e un'anziana morta
  58. "I valori della liberazione non vanno mai messi in discussione"
  59. Carabinieri positivi al Coronavirus, chiusa la stazione di Onano
  60. Le regole per garantire la sicurezza sui posti di lavoro
  61. Celleno non è più zona rossa, ma le case di riposo restano isolate
  62. Covid, positivo carabiniere di Onano
  63. "Siamo tutti partigiani..."
  64. "Coronavirus, oggi finisce la zona rossa a Celleno"
  65. "La nicotina delle sigarette potrebbe proteggere dal Covid..."
  66. "Oggi la fine della zona rossa? Non c'è ancora la certezza..."
  67. Coronavirus, guarita una donna di 94 anni
  68. "25 aprile, se i consiglieri comunali vengono sono contento"
  69. Giove, zona rossa prolungata fino al 3 maggio
  70. Le tredici regole per la riapertura delle aziende
  71. "Due vaccini in fase avanzata di sviluppo, ma per la vendita ci vorranno mesi"
  72. Coronavirus, per la prima volta più guariti (3033) che nuovi positivi (2646) - 464 i morti
  73. Coronavirus, oggi 3 positivi e 19 negativizzati nella Tuscia
  74. "Agricoltura, no alla distinzione tra lavoratori di serie A e B"
  75. 25 aprile, l'Anpi potrà partecipare... le autorità ancora non si sa
  76. Tredici contagi da Covid, la Asl chiude l'ospedale di Tarquinia e fa una nuova ondata di tamponi
  77. L'edicolante di Tuscania stroncata dal Coronavirus
  78. "Il vaccino non serve, basta una terapia antivirale"
  79. "La chiusura delle librerie è stata una tragedia"
  80. Ospedale chiuso per cinque giorni: stop ai ricoveri, operativo il pronto soccorso
  81. Ospedale chiuso per cinque giorni: stop ai ricoveri, operativo il pronto soccorso
  82. Altri 9 positivi nella Tuscia, 7 sono collegati all'ospedale di Tarquinia
  83. Coronavirus, 16esimo morto nella Tuscia
  84. Parente in visita porta il Covid in ospedale, sei contagiati
  85. Boom di guariti nell'Alto Lazio: 70 in un solo giorno
  86. "Coronavirus - 2729 nuovi casi, 534 morti e 2723 guariti"
  87. Covid-19, sei contagiati all'ospedale di Tarquinia
  88. Coronavirus, 3 nuovi contagiati e 14 guariti
  89. Coronavirus - Ce l'ha fatta ed è guarita la bimba di otto mesi di Acquapendente
  90. Rinviate tutte le consultazioni elettorali
  91. Coronavirus, 2256 nuovi positivi oggi e 454 morti
  92. Un solo nuovo caso a Viterbo, 4 a Rieti, 5 a Latina e 8 a Frosinone
  93. Una sola nuova contagiata nella Tuscia, morta un'altra ospite di Villa Noemi
  94. Coronavirus - 411 casi, ma il 10% è già guarito
  95. "Una preghiera comune per ricordare le vittime del Covid e costruire un mondo di giustizia"
  96. "Coronavirus, negativi tutti gli 84 tamponi eseguiti nella casa di riposo Bellorizzonte"
  97. Coronavirus – 3047 nuovi positivi, 433 morti e 2128 guariti
  98. "Oggi 87 nuovi casi, il dato più basso da un mese"
  99. Coronavirus - 126 positivi allo Spallanzani, calo costante
  100. Coronavirus, tre nuovi positivi nella Tuscia
  101. "Nessuna promiscuità tra positivi e negativi"
  102. "Fontana non si permetta di mistificare"
  103. "Fontana non si permetta di mistificare"
  104. "Noi come il Lazio sulle rsa, ma attaccano solo la Lombardia"
  105. Coronavirus - Cinque casi all'ospedale di Tarquinia, contagiati due pazienti e tre sanitari
  106. "Qui il Covid è sotto controllo e siamo pronti a ripartire per l'estate... ma facendo attenzione"
  107. La Tv pubblica corre in aiuto della scuola con programmi dedicati solo agli studenti
  108. Coronavirus - 3491 nuovi positivi, 482 morti e 2200 guariti
  109. Coronavirus - 3491 nuovi positivi, 482 morti e 2200 guariti
  110. Coronavirus - Record di guariti, superati i mille
  111. Coronavirus - Record di guariti, superati i mille
  112. Coronavirus - 140 positivi allo Spallanzani, continua il calo
  113. Coronavirus - Si indaga sulle case di riposo della Tuscia
  114. Coronavirus - Morti 13 viterbesi, quattro erano ospiti di strutture per anziani
  115. "Con il Coronavirus e la febbre alta papà è stato lasciato al freddo per ore a Belcolle"
  116. Coronavirus, nuovo record di guariti e di tamponi in una singola giornata
  117. Coronavirus - 3493 nuovi positivi, 575 morti e 2563 guariti
  118. Positivo un sanitario di Belcolle, muore paziente di Villa Immacolata - I deceduti salgono a 13
  119. "Covid, contagiato un ospite di una microstruttura gestita da Villa Buon Respiro"
  120. Coronavirus - 3786 nuovi positivi, 525 morti e 2072 guariti
  121. Nuovo focolaio a Civitavecchia: oggi 15 positivi - Morta una donna, 12 guariti
  122. Nuovo focolaio a Civitavecchia: oggi 15 positivi - Morta una donna, 12 guariti
  123. Coronavirus: sei nuovi casi nella Tuscia, uno è di Civitavecchia - Superati i 400 contagi
  124. Coronavirus, a Viterbo il 6,5% dei casi rispetto alle altre province del Lazio
  125. Coronavirus, secondo morto a Villa Noemi
  126. Covid - Sei nuovi guariti nella Tuscia, tra cui una mamma col figlio piccolo
  127. Coronavirus - Nella Tuscia i guariti salgono a 25, sono il 6 percento del totale
  128. "Mia madre a Villa Immacolata non è stata isolata dai malati Covid ed ora è positiva"
  129. Coronavirus - 2671 nuovi casi, 578 morti e 966 guariti
  130. Tredici nuovi positivi, quasi 400 in totale - Morta donna ospite di Villa Noemi
  131. "Anche a Corchiano un caso di positività al Coronavirus"
  132. Covid, mamma e due figli di Piansano dimessi dal Bambin Gesù
  133. Covid - 41esimo caso a Villa Noemi, la regione: "Ancora controlli nelle strutture per anziani della Tuscia"
  134. Coronavirus - 2972 nuovi casi, 602 morti e 1695 guariti
  135. Coronavirus, sei nuovi positivi nella Tuscia tra cui un ospite di Villa Noemi
  136. Coronavirus - 41 nuovi positivi, 5 guariti e 2 donne morte nell'Alto Lazio
  137. Coronavirus - 159.516 contagiati, 35.435 guariti, 20.465 morti e 103.616 positivi attuali
  138. Coronavirus, 4 positivi e 3 persone guarite oggi
  139. "Ci siamo spaventati, ma ora i nostri cari sono assistiti"
  140. Coronavirus a Villa Noemi - 39 contagi, un anziano morto e tre in ospedale
  141. "Stiamo trasferendo i 4 anziani negativi in un agriturismo"
  142. Von Der Leyen: "Aspettate a prenotare le ferie"
  143. Von Der Leyen: "Aspettate a prenotare le ferie"
  144. Coronavirus - Calano i ricoverati, oggi 297 in meno
  145. Coronavirus - 4092 nuovi casi, 431 morti e 1677 guariti
  146. Mattarella al papa: "Le sue parole sono vibranti di vita"
  147. "A Celleno lunghe file al supermercato ma ancora nessuna agitazione"
  148. Covid nell'Alto Lazio - Dieci nuovi casi, tre morti e 15 guariti
  149. Villa Noemi chiede aiuto: "Abbiamo urgente bisogno di operatori sociosanitari"
  150. “Quando sono partito per l'ospedale non ho avuto il coraggio di salutare i miei familiari...”
  151. "Coronavirus, continua a calare la pressione sugli ospedali"
  152. Coronavirus, 165 positivi allo Spallanzani
  153. "Villa Noemi, tutto il nostro personale è in quarantena o in isolamento domiciliare"
  154. Coronavirus - 4694 nuovi casi, 619 morti e 2079 guariti
  155. "Ero in condizioni critiche, ho percepito lo sforzo titanico per salvare vite"
  156. Quattro positivi a Viterbo, 2 a Rieti, 3 a Latina e 8 a Frosinone
  157. Quattro positivi a Viterbo, 2 a Rieti, 3 a Latina e 8 a Frosinone
  158. Quattro le persone guarite oggi, fra cui la studentessa spagnola
  159. Coronavirus - Due morti in ventiquattr'ore nella Tuscia
  160. Coronavirus - Due morti in ventiquattr'ore nella Tuscia
  161. "Morta una persona anziana ricoverata nella casa di riposo"
  162. Coronavirus, quattro nuovi casi nella Tuscia e un morto
  163. Celleno zona rossa, il sindaco: "Mi dispiace vederla cinturata, ma ce la faremo"
  164. Venerdì di passione per la Tuscia: 33 contagi, due morti e Celleno isolata
  165. Covid, proroga lockdown al 3 maggio - Conte: "Non possiamo permetterci una nuova esplosione del virus"
  166. Coronavirus, superata quota 30mila guariti
  167. Coronavirus - 3951 nuovi contagiati, 1985 guariti e 570 morti
  168. "C'è ancora chi esce tutti i giorni, qualcuno addirittura si diverte ad andare a pesca"
  169. Villa Noemi porta Viterbo a 33 casi oggi - La Regione: "A Celleno si valutano ulteriori misure"
  170. 38 contagiati a Villa Noemi, personale della casa di riposo in isolamento
  171. Coronavirus - 33 nuovi contagiati, quasi tutti a Villa Noemi e un morto a Viterbo
  172. 29 contagi in 14 giorni, Giove diventa zona rossa
  173. Coronavirus, il numero dei morti sale a nove
  174. "Villa Noemi, tutti i pazienti positivi tranne 5 e metà personale contagiato"
  175. "Prima va tutelata la salute, ma poi vanno riaperti i cantieri e si deve eliminare la burocrazia"
  176. Coronavirus a Villa Noemi, contagiati sette anziani ed eseguiti 50 tamponi tra ospiti e sanitari
  177. "Coronavirus, negli ultimi 5 giorni calo costante dei ricoveri in ospedale"
  178. Coronavirus - Oggi 4204 contagiati, 1979 guariti e 610 morti
  179. "Isolata casa di riposo a Celleno, controlli in 5 strutture nella Tuscia"
  180. "Pazienti positivi in un'area dedicata e operatori sottoposti a tampone in isolamento"
  181. Coronavirus, 12 positivi accertati dalla Asl di cui 7 a Villa Noemi
  182. Palio di Sant'Anselmo, ci vediamo in autunno?
  183. "La salute è prioritaria, ma la produzione va ripresa il prima possibile nel distretto ceramico"
  184. Covid - Famiglia di Piansano in ospedale: il marito a Belcolle e la madre e i due figli al Bambin Gesù
  185. "Siamo a un passo dalla vittoria, serve continuare con le misure attuali"
  186. Coronavirus - 95262 gli attuali positivi in Italia, con un incremento di 1195 - Oggi 542 morti, 2099 guariti e 3836 contagiati
  187. "Guarito l'unico contagiato di Bagnoregio"
  188. Confindustria: "Ripartiamo o il Paese si spegne", ma l'Oms frena: "Non è ancora il momento"
  189. Prima guarigione da Coronavirus a Orte
  190. Quattro nuovi casi, due sono bambini ricoverati al Bambin Gesù con la mamma
  191. Covid - Tamponi nella casa di riposo di Celleno, il sindaco: "Operatore e ospiti con sintomi influenzali"
  192. "Mamma è estubata ed è sveglia, mi sta schizzando il cuore in gola"
  193. Coronavirus - 3039 i nuovi contagiati, 1555 guariti, 604 morti - I positivi attuali aumentano di 880 unità
  194. Coronavirus, tamponi alla casa di riposo a Celleno
  195. Coronavirus: 7 nuovi positivi nella Tuscia, il totale sale a 320
  196. Coronavirus, sale a 5 il numero di guariti nella Tuscia
  197. Coronavirus: 636 morti oggi, in totale 16.523 e 1022 i guariti che salgono a 22.837
  198. Coronavirus, 636 morti e 1941 nuovi contagi che arrivano a 93187
  199. Coronavirus, altri otto positivi nella Tuscia e un nuovo guarito
  200. "Per la prima volta in tre anni ho rivisto la mia casa..."
  201. "Covid, abbiamo fatto di tutto per evitare il contagio..."
  202. Studente viterbese rientrato dal Senegal: "Avevo paura di contrarre il virus e non essere curato"
  203. Un istruttore di karate: "Sono risultato positivo al maledetto Covid-19"
  204. Coronavirus, guariti il prof Unitus e la moglie
  205. Il sindaco di Celleno smentisce la Regione: "La famiglia non ha violato la quarantena"
  206. "Il numero di morti è il più basso dal 19 marzo"
  207. "Il numero di morti è il più basso dal 19 marzo"
  208. Coronavirus - 525 morti, 2972 positivi e 819 guariti oggi in Italia
  209. "A cena nonostante la quarantena, intera famiglia contagiata a Celleno"
  210. Coronavirus - 7 nuovi positivi nella Tuscia
  211. "Senza cassa integrazione come vado avanti?"
  212. "Bloccato in India insieme ad altri 600 italiani, difficile anche trovare da mangiare"
  213. "Nel suo andamento brutale il virus fa paura, ma non posso mollare..."
  214. Covid-19 - Nessun nuovo caso nella Tuscia, ma un viterbese è morto in Piemonte
  215. Casco di protezione dal Coronavirus pensato da un viterbese
  216. Coronavirus, Viterbo disponibile ad accogliere le salme del nord Italia
  217. Coronavirus - 198 positivi allo Spallanzani, calano i ricoveri
  218. "Coronavirus, i nostri ospedali ricominciano a respirare"
  219. Coronavirus, controlli straordinari per Pasqua
  220. Coronavirus, controlli straordinari per Pasqua
  221. "Cucivo mascherine per regalarle e qualcuno le rivendeva"
  222. "Cucivo mascherine per regalarle e qualcuno le rivendeva"
  223. "Un'indennità giornaliera di rischio a chi lavora in ospedale"
  224. "Un'indennità giornaliera di rischio a chi lavora in ospedale"
  225. Coronavirus, per la prima volta nessun nuovo caso
  226. Coronavirus, c'è il secondo guarito: è il carabiniere 27enne di Oriolo
  227. "Trasportiamo i pazienti dalla Lombardia per aiutare le terapie intensive del Nord Italia"
  228. Coronavirus a Villa Immacolata, in 24 ore contagi più che raddoppiati
  229. Coronavirus nell'Alto Lazio - 20 nuovi casi, tre morti e quattro neonati positivi a Civitavecchia
  230. "Qualche cosa sta crescendo di più forte insieme... tutto bene andrà"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR