Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Consiglio comunale - Non passano gli emendamenti proposti dall'opposizione per spostare i fondi anche dall'acquisto casette di Natale

Aiuti ad attività commerciali e operatori culturali bocciati dalla maggioranza

Condividi la notizia:

Viterbo - Consiglio comunale - Giacomo Barelli (Forza civica)

Viterbo – Consiglio comunale – Giacomo Barelli (Forza civica)

Viterbo – Commercio, la maggioranza non raccoglie l’sos lanciato dall’opposizione in consiglio comunale, ripreso per la discussione degli emendamenti al bilancio di previsione.

Bocciato quello che voleva destinare 500mila euro a chi si trova in forte difficoltà a causa delle limitazioni determinate dalla pandemia.

Misura composta da un contributo affitto, fino a un massimo del 30% sul canone mensile di locazione, per un massimo di 200 euro mensili e da un altro contributo, per spese d’adeguamento alle normative Covid. Per il 50% di quanto sostenuto e per un massimo di mille euro a a singola attività.

I soldi sono stati presi da diversi capitoli, compresi i 183mila euro per le casette in legno del mercatino natalizio.

Il centrodestra dice no. E l’opposizione insorge: “Avete detto no – spiega Giacomo Barelli (Forza civica) e ma non avete proposto niente in alternativo. La priorità per la maggioranza sono le casette di Natale. Per il Covid, la cura sono i 200mila euro delle casette?”.

Stessa sorte per un’altra proposta, stavolta destinata agli operatori del settore cultura. “Che non hanno riaperto – spiega Alfonso Antoniozzi (Viterbo 2020) – non hanno di che mettere il pane sulla tavola”.

L’emendamento sottoscritto da tutti i gruppi d’opposizione prevede cinquemila euro di contributo massimo a operatore, con il 50% di ristoro del danno subito per lavori non portati a termine o non effettuati a causa del Covid. Bocciato.

Poi c’è un altro emendamento, stavolta sulla scuola e la didattica a distanza. Da sostenere per le famiglie non abbienti.

In totale le proposte dell’opposizione sotto forma di emendamenti sono 12. Visto l’andazzo, poche le possibilità che qualcuna possa avere l’ok della maggioranza.

Sulla scuola, Andrea Micci (Lega) fa notare che un intervento simile è previsto in un emendamento del centrodestra. Prelevando i fondi da capitoli diversi. Avendo i numeri, magari passerà. La seduta si preannuncia lunga, non ci sono solo le proposte della minoranza, ma pure quelle della maggioranza.

Probabilmente si tenterà una mediazione tra le parti, magari riunendo la capigruppo.

Giuseppe Ferlicca


Articoli: Forza Italia fa saltare il primo appello, Arena li ringrazia e Purchiaroni mostra le catene – Forza Italia non si presenta, salta il primo appello per il bilancio


Condividi la notizia:
29 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR