Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Il sindaco Giovanni Arena ha inoltre ricevuto pieno mandato a trattare con i sindacati per la questione delle buste paga - Ieri la V commissione Gestione partecipate

Francigena si volta pagina, un bando pubblico per scegliere il nuovo amministratore

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo – Le notizie sono due, almeno potrebbero. Perché la quinta commissione comunale Affari generali, Palazzo dei Priori, Viterbo, è segreta. Almeno è così detta. Dunque, il condizionale è d’obbligo. La prima notizia, un bando per individuare il nuovo amministratore unico della Francigena e voltare pagina. La seconda, pieno mandato al sindaco Giovanni Arena per trattare con i sindacati in merito al prelievo in busta paga fatto a 5 dipendenti della società per pagare le spese legali di una causa vinta dai lavoratori in primo grado, persa in appello e aperta ancora in cassazione. Secondo i sindacati, quanto tolto in busta paga dal datore di lavoro, per di più in piena pandemia Covid e sotto Natale, non sarebbe stato fatto secondo le procedure previste e avrebbe pure superato il quinto dello stipendio. 

La quinta commissione comunale Gestione partecipate s’è riunita ieri mattina, via zoom. Per la prima volta nel 2021 e ancora una volta sulla Francigena, la società di trasporto pubblico locale interamente partecipata dal comune di Viterbo.

Maggioranza e opposizione di nuovo a confronto su un terreno spinato e pieno di incognite. Con loro anche il sindaco Arena e il suo vice, assessore alle partecipate, Enrico Contardo. Tutti in modalità zoom. 


Giovanni Arena

Viterbo – Il sindaco Giovanni Arena


L’ultima riunione dedicata alla Francigena, negli ultimi giorni dell’anno scorso. Quando l’opposizione, senza che la maggioranza facesse cenno, ha preteso l’allontanamento di Guido Scapigliati, che s’era appena dimesso dall’incarico di amministratore unico dopo la vicenda dei post inneggianti al terrorismo nero e brigatista sulla sua pagina Facebook. Rimossa anch’essa. Durante quell’incontro Scapigliati ha consegnato agli atti una memoria, la sua difesa in merito a tutta quanta la vicenda, mentre la commissione s’è aggiornata per il 7 gennaio. Vale a dire ieri. Con la partecipazione di una delegazione di sindacalisti Francigena. Per l’esattezza, Renato Cerocchi per la Uil Trasporti, Nazareno Vecchioni per l’Ugl e Luca Fonti di Faisal Cisal. La commissione avrebbe inoltre manifestato il proprio interesse ad ascoltare, sempre in merito a Francigena, la delegazione sindacale anche in futuro.

Tra una cosa e l’altra, in quinta commissione Affari generali ci sarebbe stato pure il tempo per discutere il passaggio dei trasporti pubblici, gestiti oggi in città da Francigena, ad Astral, agenzia regionale. Con i sindacalisti che sarebbero rimasti a discutere, nonostante qualche consigliere gli avesse chiesto di uscire visto che l’argomento non li riguardava. Ricevendo poi per tutta risposta da parte dei lavoratori che l’argomento li riguardava eccome, dato che si stava discutendo proprio della società per la quale lavorano. 


Viterbo - Un autobus della Francigena

Viterbo – Un autobus della Francigena


Per quanto riguarda la vicenda del prelievo in busta paga fatto da Francigena sugli stipendi di dicembre di 5 lavoratori, pare che la posizione assunta dai sindacati sia stata piuttosto chiara. Con poche e chiare parole. ‘Prima ci restituite i soldi presi a dicembre sui nostri stipendi, sembra sia stato questo il succo, e azzeriamo la situazione. Poi possiamo anche trattare e spacchettare in 10 rate il dovuto’. Circa 1300 euro a testa. 

E sarebbe stato proprio in quel momento che la palla, e la patata bollente che si stava portando appresso, sia stata passata direttamente sindaco Arena con un assist immediato da parte di tutta quanta la maggioranza. Con la minoranza a fare da sponda, e pure da curva. Il sindaco sembra che all’inizio abbia nicchiato, oscillando tra un ‘non so se lo posso fare’ e un ‘non so chi alla fine potrebbe firmare’. E pare che sia stato proprio in quel momento che ad Arena siano stati conferiti i pieni poteri a trattare con Cerocchi, Vecchioni e Fonti. Renato, Nazareno e Luca. E il presupposto per rivolgere la parola ai tre sindacalisti non è da poco: restituire prima quanto Francigena s’è già presa a settembre. Per le spese legali. 


Viterbo - Enrico Contardo

Viterbo – L’assessore Enrico Contardo


A mettere il sigillo, le parole di un consigliere: “eh sindaco – avrebbe detto – adesso è lei che deve decide. Quello che vòle, e quello che non vòle fa. Eh, adesso è lei che decide”. Prossima settimana, forse, il primo incontro tra Arena e i sindacati. Sindaco che dovrà scegliere anche la matassa del bando per individuare il nuovo amministratore unico della Francigena dopo le dimissioni di Scapigliati. Le ipotesi in campo sarebbero state due. La prima, ripescare il migliore tra coloro che un anno e mezzo fa persero contro Scapigliati. La seconda, un bando tutto nuovo. Avrebbe prevalso quest’ultima, e per esplicito volere del sindaco Arena che avrebbe chiesto esplicitamente di voltare pagina e coinvolgere di più i lavoratori nelle decisioni riguardanti la società. 


Viterbo - Renato Cerocchi della Uil trasporti

Viterbo – Renato Cerocchi della Uil trasporti


In quinta commissione s’è discusso anche del passaggio del trasporto pubblico, gestito oggi da Francigena, ad Astral, azienda regionale. Sindacalisti presenti, con tanto di diritto di replica e di interrogare gli amministratori. Quello che ne sarebbe venuto fuori pare sia stato nebuloso e vago, con l’amministrazione, innanzitutto Contardo, che non avrebbero particolarmente brillato durante l’interrogazione della minoranza.

La questione in campo è il passaggio del trasporto pubblico locale ad Astral che farebbe poi i bandi di gara per riassegnare i trasporti. L’Astral quindi non prenderebbe il servizio, ma la capacità di fare il bando. ‘Francigena – pare sia stata questa una delle domande – a quel punto, può partecipare o no al bando per riprendersi il servizio?’. Contardo pare abbia detto che si sarebbe informato. 

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
8 gennaio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR