Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - La colonnine sono quasi tutte deteriorate, una si è staccata - Nel degrado anche la fontana del miracolo di santa Rosa e il palazzo di fronte - FOTO E VIDEO

Crocetta, a rischio crollo la balaustra della chiesa

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo – A rischio crollo la balaustra della scalinata seicentesca di accesso alla chiesa di Santa Maria del Poggio, in piazza della Crocetta, Viterbo. Per come sono messe le colonnine laterali. Molto male. Tant’è vero che qualcuno, presumibilmente il comune, ha fasciato col bianco-rosso una delle due rampe d’accesso alla chiesa. Perché, l’impressione è quella, una colonnina si sarebbe staccata volando a terra. Attorno, comunque, pare non vi siano cartelli riconducibili all’amministrazione o qualcun altro che possa avere voce in capitolo.


Viterbo - Piazza della Crocetta - La chiesa e la fontana del miracolo di Santa Rosa

Viterbo – Piazza della Crocetta – La chiesa e la fontana del miracolo di Santa Rosa


La chiesa è quella di Santa Rosa, cioè quella dove la santa è cresciuta e dove è stata inizialmente sepolta. Lì di fronte anche la fontana medievale (XIII secolo) della Crocetta e del miracolo della brocca. Qualche passo oltre, la case dove pare abbia mosso i primi passi e trascorso l’infanzia. L’insieme di queste cose, uno spicchio importante di un’area più vasta, via Mazzini, che va da porta della Verità a piazza del Teatro, oggi quest’insieme di cose cade a pezzi o, bene che vada, è nel più totale degrado. La chiesa, la fontana e la prima casa di Santa Rosa. Innanzitutto la scalinata. Le colonnine che reggono il corrimano sono praticamente ridotte a cocci. Alcune si stanno letteralmente sbriciolando oppure spezzando in punti chiave. Insomma, rischiano di crollare, portandosi appresso tutto il resto.



Due colonnine non ci sino più. Una è venuta giù di recente. L’altra sembra anni fa. Le colonnine rimaste sono ad oggi 49. Di queste 31 sono danneggiate, di cui 18 seriamente danneggiate e due pericolose, ossia sul punto, così pare a prima vista, di spezzarsi.


Viterbo - La scalinata della chiesa della Crocetta

Viterbo – La scalinata della chiesa della Crocetta


“Della piccola chiesa di Santa Maria del Poggio – sta scritto sul cartello turistico di lato alla piazza – si hanno notizie fin dal 1076, come riportato da taluni documenti che in quella data indicano la presenza di una chiesa in Vico de Poju, in una zona che all’epoca era un povero villaggio di contadini. Ulteriori informazioni sul tempio si estrapolano da carte d’archivio inerenti al XII ed al XIII secolo, che nel 1236 l’attestano elevato a parrocchia e lo elencano fra le chiese minori insieme a quella di San Marco”.



“La notorietà della chiesa – prosegue il cartello turistico in piazza della Crocetta – pur modesta nelle dimensioni e nelle scelte architettoniche, è dovuta al fatto che Santa Rosa, la patrona della città, appartenne a tale parrocchia e ne amò profondamente lo spazio disadorno e suggestivo, in cui si raccolse spesso in preghiera. E proprio presso l’arare di sinistra della piccola chiesa la santa fu sepolta e riposò per sette anni, prima cioè che le sacre spoglie fossero traslate nel tempio di San Damiano (in seguito intitolato a Santa Rosa) per volere di papa Alessandro IV (1254-1261)”.


Viterbo - La scalinata della chiesa della Crocetta

Viterbo – La scalinata della chiesa della Crocetta


“Dopo un periodo piuttosto buio – è ancora il cartellone a dire la sua – nel XV secolo si verificò un rilancio del culto in Santa Maria in Poggio, ma già alla metà del secolo successivo, a causa delle scarse rendite e del limitato numero di fedeli del quartiere, la parrocchia fu soppressa ed aggregata alla collegiata di San Matteo in Sonza. Nonostante il momentaneo abbandono la chiesa conservò tuttavia la sua grande valenza religiosa e spirituale, che derivava dall’essere collocata in una zona notoriamente claustrale della contrada, tanto da essere designata nel 1558 come centro di propagazione religiosa e sede dei Fratelli della dottrina cristiana affidati alla protezione di San Girolamo (anche noti come Padri di San Girolamo), per volere del capitolo della cattedrale. Nel 1590 la chiesa fu nuovamente abbandonata, ma la sua ubicazione carica di spiritualità fece sì che Camillo de Lellis la scegliesse come sede viterbese della propria benefica istituzione e la annettesse alle proprietà dei religiosi Crociferi ministeri degli infermi. Il nuovo ordine fondato dal santo abruzzese, detto dei Camillini e volto principalmente all’assistenza degli ammalati, aveva come principale attributo una croce rossa cucita sul vestito o sul mantello, da cui derivò l’appellativo con cui è anche nota la chiesa, detta appunto della ‘Crocetta’”.


Viterbo - La scalinata della chiesa della Crocetta

Viterbo – La scalinata della chiesa della Crocetta


Un patrimonio storico e architettonico che oggi, all’esterno, si trova nel più completo abbandono. La chiesa è aperta solo per le messe, spesso anche il pomeriggio. Grazie all’opera di volontari che la tengono lontana dal degrado che sta invece all’esterno. Con il muro sgretolato del palazzo storico di fronte, la scalinata traballante, la fontana sforacchiata e la piazza che quotidianamente è un punto di sosta o fermata per le macchine.


Viterbo - La fontana del miracolo di Santa Rosa in piazza della Crocetta

Viterbo – La fontana del miracolo di Santa Rosa in piazza della Crocetta


La fontana, su cui campeggia la santa patrona, come ti giri è acciaccata e corrosa da muschio e malattia della pietra. Quella che a naso si sta portando via pure la scalinata. Da un lato della vasca fuoriesce anche l’acqua, mentre la pavimentazione attorno è spaccata.


Viterbo - La fontana del miracolo di Santa Rosa in piazza della Crocetta

Viterbo – La fontana del miracolo di Santa Rosa in piazza della Crocetta


“Durante la Seconda guerra mondiale – racconta il pannello turistico in piazza, letto, fotografato e ripreso sdraiato sul cofano di una macchina – la chiesa della Crocetta fu profondamente danneggiata, per essere poi ricostruita pressoché ex novo nel 1949, conservando tuttavia la grande scalinata circolare a doppia rampa simmetrica che era stata eretta di fronte alla facciata nel Seicento”.


Viterbo - Il palazzo di fronte la chiesa della Crocetta

Viterbo – Il palazzo di fronte la chiesa della Crocetta


Infine, chiude il cartello, “di fronte alla chiesa si erge la fontana duecentesca, detta anche della Crocetta, caratterizzata dalla tipologia ‘a fuso’ emergente dalla vasca a specchiare lisce, comune alle più antiche fonti della città. Dal fuso, scandito dalle protomi leonine, si erge l’acroterio formato dal gruppo scultoreo riproducente due figure, una delle quali identificabile con Santa Rosa, posto in sostituzione dell’originario coronamento a pigna. La fontana della Crocetta è resa infatti più suggestiva da una leggenda secondo la quale Santa Rosa, recandosi alla fonte, avrebbe compiuto il miracolo di ricomporre una brocca andata in frantumi”.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotogallery: Il degrado di piazza della CrocettaLa scalinata – Video: Scalinata, piazza e fontana 


Condividi la notizia:
3 marzo, 2021

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. Piazza San Carluccio, i cavi sono stati tolti e il muro ripulito
  2. "Che fine hanno fatto i pesci e le tartarughe di pratogiardino Lucio Battisti?"
  3. Verranno restituiti alla città i quadranti dell'orologio della torre di piazza del Comune
  4. Necropoli di Norchia, tombe etrusche e "bocconi avvelenati"
  5. "Via San Lorenzo, un tratto di strada vergognoso, i lavori non potevano più rinviare"
  6. Via San Lorenzo, i lavori che tagliano in due la città
  7. "Ho comprato la torre della Malta per amore di Dante e di Viterbo"
  8. Le cinque discariche della stazione dei treni di Porta Romana
  9. Buche, crepe e sampietrini al catrame, lo stato indegno delle strade di Viterbo
  10. Il comune di Viterbo taglia l'ortica in centro e fa le pulizie di Pasqua
  11. Anche palazzo dei Priori è stato gettato alle ortiche...
  12. "Decoro urbano, il comune di Viterbo può richiedere contributi fino a 20 milioni di euro"
  13. Suffragio, via Bussi e Sant'Egidio... un centro storico buttato alle ortiche
  14. "Pratogiardino Lucio Battisti verrà restituito ai viterbesi"
  15. Giovanni Arena: "Cassia sud... adesso mi incazzo!"
  16. Cassia sud, la strada riapre ma gli operai del cantiere si oppongono...
  17. Bullicame, torna a ribollire l'acqua di Dante... ma il parco è deserto
  18. Cassia sud, due discariche di rifiuti abusivi all'ingresso del parco di Cornelia
  19. Il marciapiede "dimezzato" di Ponte dell'Elce...
  20. Il comune punta a rilanciare e riqualificare il museo civico e il ponte Camillario
  21. Il centro storico assediato da transenne e lavori in corso
  22. Capriate, termoconvettori, telecamere e luci... lavori in corso al museo Rossi Danielli
  23. Giovanni Arena: "Scatole e fili abbandonati vanno tolti, altrimenti interverrà il comune"
  24. Dipinti distrutti e legno sgretolato, le porte cittadine nel degrado e abbandonate
  25. A Viterbo una transenna non si nega a nessuno, nemmeno al ponte Camillario...
  26. I cavi di piazza San Carluccio stanno ancora lì, nonostante l'intervento di prefetto e vigili del fuoco
  27. Unitus, una discarica nell'ex caserma di via Palmanova
  28. Biblioteche Viterbo, "la maleducazione dell'università della Tuscia" e il manifesto di viale Trento...
  29. Polo Unitus all'ex caserma Palmanova, al via i lavori
  30. Biblioteca comunale di Viterbo... quando parcheggiavano il motorino in mezzo ai libri antichi
  31. "Biblioteca Viterbo, il comune farà la sua parte per salvare e valorizzare Palazzo Santoro"
  32. "Per valorizzare le fontane di Viterbo va istituito un Commissario delle acque"
  33. Laura Allegrini: "Fontane, condivido le parole di Ricci e sono pronta a sostenere il suo emendamento"
  34. Alvaro Ricci: "Le fontane si potevano salvare, ma la giunta Arena disse no..."
  35. Degrado in città, transenne "pericolose" per i pedoni al semaforo di porta Romana
  36. Transenne di Natale in via San Girolamo...
  37. Il Paese delle fiabe compie tre anni
  38. "Salvato l'affresco di Matteo Giovannetti a Pianoscarano, capolavoro del Trecento viterbese"
  39. Giovanni Arena: "Museo civico, positiva e importante la proposta di rilancio presentata dall'opposizione"
  40. Il balcone delle meraviglie in piazza del Comune...
  41. Decine di opere d'arte del museo civico Rossi Danielli sparse per la città...
  42. Rilancio del museo civico: trenta per cento di spazi in più, sotterranei visitabili e un meeting point
  43. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  44. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  45. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  46. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  47. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  48. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  49. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  50. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  51. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  52. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  53. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  54. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  55. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  56. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  57. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  58. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  59. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  60. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  61. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  62. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  63. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  64. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  65. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  66. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  67. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  68. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  69. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  70. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  71. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  72. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  73. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  74. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  75. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  76. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  77. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  78. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  79. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  80. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  81. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  82. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  83. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  84. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  85. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  86. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  87. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  88. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  89. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  90. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR