--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Crisi in comune - A fine seduta di consiglio l'annuncio del sindaco - Ma l'esponente Ncd toglie l'appoggio a Michelini - A Ricci Lavori Pubblici e Civiter, Urbanistica a Saraconi

Vannini entra in giunta, ma Taborri esce dalla maggioranza

di Giuseppe Ferlicca

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Michelini e Vannini

Michelini e Vannini

Alfredo Taborri

Goffredo Taborri

Viterbo –  Il nono assessore non porta bene all’amministrazione Michelini che perde un pezzo di maggioranza.

Entra l’esterno Andrea Vannini, professore universitario, chiamato a occuparsi di Ambiente, Igiene urbana, Illuminazione e Servizi cimiteriali.

Un nuovo settore, come preannunciato e sale a tre il numero degli esterni (Vannini, Barelli, Delli Iaconi).

L’annuncio arriva a fine seduta, dopo una convulsa riunione di maggioranza prima dell’avvio stamani del consiglio comunale.

Fra i preesistenti, le uniche modifiche riguardano Alvaro Ricci che prende Lavori pubblici e Raffaela Saraconi, cui passano l’Urbanistica e il Centro storico.

Ma all’annuncio in chiusura di consiglio comunale, la reazione di Goffredo Taborri (Ncd) è uno schiaffo al primo cittadino e alla maggioranza.

“Sono fortemente rammaricato per quanto ho ascoltato – precisa Taborri – quando si è aperta la verifica ho parlato con il sindaco, facendo presente di lasciare a otto la giunta, altrimenti avrebbe dovuto prendere in considerazione i partiti di maggioranza, di cui oggi fa parte anche l’Ncd.

Dovrò parlare con i miei amici di partito, ma ritengo già da oggi che il mio appoggio non è poi così sicuro”.

La minoranza chiede di discutere il riassetto delle deleghe, Michelini è d’accordo, alla prossima seduta. Per Taborri il limite è ampiamente superato.

“Lei – precisa Taborri rivolto al sindaco – si sta giustificando con la minoranza. Si giustifichi con la maggioranza. Politicamente lo pretendo”. Altro schiaffo.

Dal riassetto delle deleghe Michelini esce con le ossa rotte. Perde un pezzo e con il malcontento che serpeggia dentro la sua maggioranza.

Non è un caso se il vice capogruppo Pd Aldo Fabbrini intervenendo precisi: “Quello del sindaco è un annuncio, gli atti di nomina devono essere ancora fatti. Spesso in politica quello che si annuncia non si verifica, vedremo”.

Se il buongiorno si vede dal mattino, non è certo un bel risveglio per il centrosinistra a palazzo dei Priori.

La giunta nel dettaglio: Alessandra Zucchi resta agli Affari amministrativi, Contenzioso, Assicurazioni, Personale, Servizi demografici,  Raffaella Valeri Pubblica istruzione, Trasporto scolastico, Rapporti con l’università, Agricoltura e Orti urbani, Politiche dell’immigrazione, Giacomo Barelli Sviluppo economico, Statistica, Expo 2015 e Tusciaexpo, Mercati e fiere, Antonio Delli Iaconi Cultura, Turismo e Spettacolo, Grandi eventi e Termalismo.

Fabrizio Fersini resta ai Servizi sociali, Politiche famiglia e casa, Tutela del consumatore. Alvaro Ricci passa a Lavori pubblici, Manutenzione beni patrimoniali, Impianti tecnologici,  Viabilità e Mobilità urbana, Rapporti autorità portuale e Civiter, delega quest’ultima che diventa subito operativa con l’incontro oggi con i sindaci di Civitavecchia, Rieti e Terni.

Raffaela Saraconi prende Urbanistica Edilizia pubblica e privata, Centri Storici e Periferie urbane e Verde pubblico e Politiche energetiche.

Luisa Ciambella mantiene Bilancio, Patrimonio e Polizia locale, Comunicazione e Servizi informatici, oltre all’incarico di vice sindaco con promozione team lavoro degli assessori.

Il neo assessore Andrea Vannini si occuperà di Ambiente, Igiene Urbana, Illuminazione e Servizi cimiteriali.

“Rientrando nelle mia prerogativa – osserva il sindaco Michelini – la riassegnazione delle deleghe, così come la nomina della giunta, la esercito. Sabato ho revocato gli incarichi e nel giro di uno o due giorni le riattribuisco, per evitare che si creino situazioni di disagio”.

Su Vannini: “Tutti voi lo conoscete – spiega Michelini – professore di fama internazionale, avrete avuto modo di conoscerlo, è un esterno, non risponde a nessuna logica di partito. E’ persona valida che credo possa assolvere a questo ruolo delicato in maniera esauriente”.

Mancano ancora gli atti, firmati entro stasera, al massimo domani mattina, bisognerà capire se le previsioni di Fabbrini si avvereranno…

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
2 dicembre, 2014

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR